FOUR SEASONS E WWF: PARCO NAZIONALE DELL’ASPROMONTE

Aspromonte Biodiverso

FOUR SEASONS E WWF: PARCO NAZIONALE DELL’ASPROMONTE
Natura
Viaggi nei parchi Four Seasons - WWF

PRESENTAZIONE DEL VIAGGIO

Lembo meridionale della catena appenninica, di origine granitico-cristallina, somiglia ad una gigantesca piramide, prossima al mare s'inerpica fino a 2000 mt con numerose cime e diversi altopiani di origine sedimentaria marina; segnata profondamente da molti corsi d'acqua (fiumare); vanta la presenza di numerose specie (lupo, falco pellegrino, gufo reale, astore); coperta da vasti boschi (faggio, abete bianco, pino nero, leccio, castagno) e macchia mediterranea; alcune rarità come l’ aquila del Bonelli e la felce tropicale Woodwardia radicans. Al centro del mediterraneo, ha notevoli presenze storiche, artistiche e archeologiche, testimonianze della cultura arcaica, classica, grecanica, medievale e moderna. Il trekking è il modo giusto per conoscere una montagna fortemente legata al mare che lo circonda. La sua posizione in mezzo al Mediterraneo ha offerto la possibilità a numerose specie di animali e vegetali di isolarsi e specializzarsi, dando vita ad una natura ricca di biodiversità e particolarità. L’Aspromonte si presta ad un viaggio lento e semplice, adatto a viaggiatori che amano entrare in contatto con la natura e le popolazioni locali. Si soggiornerà a Gambarie d’Aspromonte, dove ha sede il Parco Nazionale, e a Bova, capitale dell’area grecanica. Sarà possibile raggiungere diverse località dell’area protetta, con escursioni giornaliere immersi nelle fitte foreste del versante tirrenico e i panorami spettacolari del versante ionico. Potremo assistere alla migrazione dei rapaci, in quanto l’Aspromonte, essendo l’estrema punta meridionale del continente, è la via di accesso principale per i grandi uccelli veleggiatori che ogni primavera arrivano dall’Africa per riprodursi in Europa. Falchi, aquile, albanelle e cicogne alla ricerca delle correnti ascensionali solcano i celi in stormi numerosi, a volte alti nel cielo a volte bassi sui versanti esposti a mare. Con un pizzico di fortuna potremo incontrare il capriolo italico, reintrodotto da una decina d’anni dal Parco Nazionale, che si è ambientato benissimo nelle foreste dell’alto Aspromonte divenendo una delle prede preferita del lupo che invece è da sempre presente nelle montagne calabresi. Vedere il grande predatore non è assolutamente scontato e facile, ma camminare lungo i sentieri ed incontrare i segni della sua presenza è certamente un’emozione impagabile.

IL NOSTRO VIAGGIO

COME: viaggi di gruppo con guida (min. 7 max. 15 partecipanti)

COSA FACCIAMO: escursioni a piedi, approfondimento dei vari aspetti naturalistici dell’area protetta; visita ai luoghi caratteristici; osservazione faunistica; enogastronomia locale; visita di centri e borghi storici. Dettagli sulla scala di difficoltà sono riportati sul ns. catalogo, sul ns. sito o cliccando QUI

DOVE DORMIAMO: alberghi a Gambarie e Bova

PASTI INCLUSI: tutte le colazioni, i pranzi al sacco e in agriturismo, le cene (pensione completa) ​
PASTI NON INCLUSI: i giorni di arrivo (inclusa solo la cena) e partenza (inclusa solo la colazione)

TRASPORTI LOCALI: minivan: tutti i transfer inclusi nella quota

COME SI RAGGIUNGE

TRENO: stazione FS di Reggio Calabria centrale
AEREO: aeroporto dello Stretto
In entrambi i casi è previsto un transfer di circa 50 minuti con minibus (incluso)

E’ possibile su richiesta organizzare transfer da/per Aeroporto di Lamezia Terme

SCHEDA DETTAGLIATA VIAGGIO

Programma

Giorno 1
BENVENUTI IN ASPROMONTE: PRIMI PASSI NEL PARCO ALLE CASCATE MAESANO

Arrivo alla stazione FS Centrale di Reggio Calabria o all’aeroporto dello Stretto, incontro con la guida. Transfer (50’) di persone e bagagli a Gambarie d’Aspromonte (1310 m s.l.m.), sistemazione in hotel e preparazione per una breve escursione. Transfer (30’). Punto di partenza è il Torrente Menta (1290 m s.l.m.), da qui risalendo un bosco di faggi e abeti bianchi si raggiungerà un affaccio sul versante sud dell’Aspromonte (1350 m s.l.m.) dove le pinete naturali di pino laricio calabrese, le ginestre e gli asfodeli, dominano il paesaggio. Si prosegue lungo il sentiero in discesa fino a raggiungere il punto panoramico sulle cascate (1295 m s.l.m.). Gioiello geologico del Parco Nazionale, le cascate Maesano con i loro cinque salti che terminano in altrettante pozze d’acqua scavate sulla roccia sono la meta ideale per presentare le ricchezze naturalistiche dell’Aspromonte.
Cena e pernottamento in hotel.

Giorno 2
DA MONTE NARDELLO A MONTALTO

Prima colazione. Breve transfer (20’) verso la Località Monte Nardello (mt 1766). Partenza per l’escursione a Montalto (1956 m s.l.m.), cima più alta dell'Aspromonte, percorrendo un tratto del Sentiero Italia. Immersi in una ricchissima vegetazione con boschi di faggio ed abete bianco, oltre agli aspetti della fauna locale presente, tra cui spiccano lo scoiattolo meridionale, il driomio, il gatto selvatico e naturalmente il lupo, sarà interessante notare il cambiamento di portamento degli alberi al variare della quota. I faggi alti e colonnari, via via che ci si avvicina alla vetta divengono sempre più piccoli e contorti a causa del vento e della neve. Raggiunto Montalto il panorama è unico e suggestivo, è possibile ammirare lo Stretto di Messina, l'Etna, i mari Jonio e Tirreno, le isole Eolie e l'estremità meridionale della dorsale appenninica. Rientro in hotel per cena e pernottamento.

Giorno 3
CASCATE FORGIARELLE

Prima colazione. Transfert (50’) in località Cerasia (1635 m s.l.m.) e partenza per l’escursione alle cascate Forgiarelle. Si entrerà nel cuore dell’Aspromonte, nel territorio del vecchio Parco Nazionale della Calabria istituito nel 1968, oggi riserva integrale del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Esemplari secolari di Rovere meridionale Quercus petraea subsp. Austro-tyrrhenica rendono unico e speciale il cammino. Il sentiero attraversando lo storico “Villagio Ca-novai” (1954m s.l.m.) gestito dai Carabinieri Forestali Ufficio territoriale per la Biodiversità di Reggio Calabria giunge ai piedi delle Cascate Forgiarelle (1302 m s.l.m.) dove sarà possibile fare il bagno nelle gelide e limpide acque. Durata dell’escursione compresa le soste circa 7h. Rientro in hotel per cena e pernottamento

Giorno 4
SENTIERO DEL TRACCIOLINO

Prima colazione. Trasferimento (45’) di persone e bagagli a Sant’Elia di Palmi (575m s.l.m). Inizio escursione sul Tracciolino, itinerario ad anello a picco sul mare della Costa Viola. L’escursione si sviluppa su un sentiero a mezza costa da dove è possibile ammirare panorami mozzafiato sull’imboccatura nord dello Stretto di Messina e sulle isole Eolie. Nel periodo della migrazione è un’emozione unica osservare l’arrivo dal mare di gruppi numerosi di falchi e aquile in cerca della corrente d’aria giusta per recuperare la quota e risalire verso le montagne. Nel primo pomeriggio trasferimento a Scilla con visita del borgo dei pescatori di Chianalea, con possibilità di gustare delle ottime granite e gelati e fare il bagno sulla spiaggia di marina grande. Transfer (70’) a Bova. Cena e pernottamento a Bova.

Giorno 5
DA BOVA A MONTE GROSSO

Prima colazione. Escursione su una storica e panoramica mulattiera che da Bova (loc. Polemo) (810 m s.l.m.) conduce a Monte Grosso (1300 m s.l.m.). Sentiero con splendidi panorami sulla fiumara Amendolea, i borghi abbandonati di Roghudi e Africo vecchio, gli altri paesi dell’Area Grecanica, le cime dell’Aspromonte con l’Etna all’orizzonte. Non mancheranno gli spunti per parlare delle emergenze faunistiche della zona, come la presenza della rondine rossiccia, dell’ormai rara Coturnice, dei corvi imperiali e del recente progetto di reintroduzione del Nibbio reale. Cena e pernottamento a Bova.

Giorno 6
CASALINUOVO E MONTE SCAPPARONE

Prima colazione. Transfer (30’) in Località Furchi (924 m s.l.m.). Escursione che inizia con la vi-sita di un piccolo paese disabitato situato nel cuore dell’Aspromonte greco, Casalinuovo (735 m s.l.m.). Abitato fino al 1951, subì, come la vicina Africo, un rapido spopolamento e la conseguente “fine” della sua umile e antichissima storia. La sua memoria viene oggi mantenuta viva dagli ultimi pastori e la sua “riscoperta” la si deve anche al set del pluripremiato film “Anime Nere”, romanzo di successo dello scrittore Gioacchino Criaco. Dal piccolo borgo, si raggiunge Portella di Ficara (875m s.l.m.) e percorrendo una carrareccia che attraversa una fitta lecceta si raggiunge Monte Scapparone (1058 m s.l.m.), stupendo balcone roccioso che si affaccia sulla Costa jonica in bilico tra il bacino della Fiumara Laverde e la Fiumara di Bruzzano. Cena e pernottamento a Bova.

Giorno 7
DA BOVA AD AMENDOLEA

Prima colazione. Visita guidata del caratteristico centro storico di Bova, con le sue viuzze i palazzi nobiliari, il santuario di San Leo, la Concattedrale della Madonna dell’Isodia. A seguire escursione: da Piazza Roma di Bova (820 m s.l.m.) ad Amendolea (150 m sl.m.) con pranzo all’Agriturismo il Bergamotto. Nel pomeriggio passeggiata sul greto della Fiumara Amendolea e rientro a Bova per la cena.

Giorno 8
PARTENZA

Prima colazione. Trasferimento a Reggio Calabria per partenza dall’aeroporto o dalla stazione centrale FS di Reggio Calabria.

SERVIZI INCLUSI, SUPPLEMENTO SINGOLA ED EVENTUALI SPESE EXTRA

QUOTE BASE IN CAMERA DOPPIA: matrimoniale o doppia condivisa, con altri partecipanti dello stesso sesso.

SUPPLEMENTO CAMERA SINGOLA: € 200,00 - sempre su richiesta e a disponibilità limitata.

LA QUOTA COMPRENDE: tutti i pasti, incluso vino “a volontà” e acqua, a partire dalla cena del primo giorno fino alla prima colazione dell’ultimo giorno; alloggio in camere doppie o triple; mezzi adeguati per i transfer di persone e bagagli, con autista e carburante compresi; assistenza continua di guide AIGAE e Guide Parco.

LA QUOTA NON COMPRENDE: extra eventuali; consumazioni a bar e pasticcerie; eventuali transfert extra e non previsti nel programma; biglietti di ingresso a monumenti, musei e similari; quanto non contemplato nella voce "La quota comprende".

ALTRE SPESE NON INCLUSE (a carico dei partecipanti):
- Ingresso Museo Nazionale della Magna Grecia, ospitante i Bronzi di Riace (su richiesta e facoltativo): 8,00€ a persona.
- Supplemento per transfer da e per l’aeroporto di Lamezia Terme:  20,00€ a persona a tratta.

INFORMAZIONI GENERALI E ASSICURAZIONE ANNULLAMENTO

NOTE: la quota è basata sulla sistemazione in doppia. Con le recenti disposizioni, l’abbinamento in doppia è previsto solamente fra persone che lo scelgono, si conoscono o che comunque manifestino la loro intenzione di condividere la stanza. Al resto dei partecipanti metteremo a disposizione un congruo numero di stanze singole, prenotabili pagando il relativo supplemento. Tale supplemento sarà comunque rimborsato al partecipante nel caso in cui l'iscrizione di una persona da lui conosciuta consenta di procedere con l’abbinamento.

ASSICURAZIONE ANNULLAMENTO VIAGGIO, CONDIZIONI E GARANZIE PER ANNULLAMENTI: non è inclusa nella quota, ma è possibile stipularla con un costo del 5% circa del totale dell’importo assicurato. Richiedi comunque il preventivo effettivo. L’assicurazione potrà essere stipulata esclusivamente al momento della prenotazione del viaggio. Richiedici l’opuscolo informativo completo o clicca QUI

VALIDITA’ DELLE INFORMAZIONI: tutte le informazioni riportate su queste pagine sono indicative e sono un estratto di quelle riportate in modo esaustivo sulla Scheda Tecnica del viaggio, che costituisce la descrizione ufficiale del viaggio e alla quale si prega di fare esclusivo riferimento.

Ti potrebbero interessare anche...

VAL DI VARA – ALTA LIGURIA

VAL DI VARA – ALTA LIGURIA

08/08 - 11/08
a partire da € 490,00
TANZANIA - CAPODANNO 2025

TANZANIA - CAPODANNO 2025

25/12 - 03/01
a partire da € 3.400,00
Cerca il tuo viaggio