Cerca il tuo viaggio
 
Mowgli scuole
Crea il tuo viaggio

Area download

Yes, week end!
Tutto l'anno

LAZIO, Lago di Bolsena Trekking

Intorno al più grande lago vulcanico d'Europa: patrimonio naturalistico, storico e leggendario affascinante
Difficoltà: zampazampazampa
da definire
 
Presentazione del viaggio
L’Alto Lazio etrusco offre paesaggi di straordinaria bellezza: a cominciare dalla verde corona volsina in cui giace il magnifico Lago di Bolsena, con le sue isole, la Martana e la Bisentina, dall’enorme valore naturalistico; in questo scenario privilegiato di antichissima frequentazione umana (sono stati rinvenuti, nel bacino, resti di insediamenti palafitticoli) sorgono altresì cittadine pittoresche, dai tratti tipicamente medioevali, ricche di monumenti pregevoli, come Montefiascone, celebre per il suo vino “Est Est Est”, al quale sono connessi aneddoti e leggende, e la stessa Bolsena, con il suo ben conservato centro storico d’impronta medievale, dominato dalla mole del Castello Monaldeschi della Cervara. Il lago di Bolsena (in Latino: Lacus Volsiniensis / Lacus Volsinii) si è formato oltre 300.000 anni fa in seguito al collasso calderico di alcuni vulcani appartenenti alla catena dei monti Volsini, ed è il lago di origine vulcanica più grande d'Europa. Può vantare un ambiente naturale quasi completamente incontaminato ed è uno dei pochi grandi laghi italiani ad essere completamente balneabile. L'Isola Bisentina è la maggiore del lago per superficie (17 hm²), mentre l’Isola Martana è quel che resta dell’esplosione di un conetto eruttivo subacqueo che si formò circa 130.000 anni fa quando già esisteva il lago, ha una forma a mezzaluna e si estende per 10 ettari.  Il lago ha un solo emissario, il fiume Marta, e nessun immissario di rilievo se non alcuni torrenti a carattere stagionale. L’ambiente è ricco di sorgenti, molte delle quali subacquee. L’acqua è pura e pulita, e ospita una grande varietà di pesci e anfibi. Sulle sue sponde trovano rifugio numerose specie di uccelli stanziali e migratori e piccoli mammiferi. Nel Rinascimento il lago era considerato il gioiello dello stato pontificio, e qui i Papi solevano villeggiare. La Via Francigena costeggia il lato orientale del lago, facendo sì che pellegrini di tutte le epoche venissero a rinfrescarsi sulle sue acque lungo il tragitto che li portava a Roma.
 

CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO 
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984 

Tipologia:
trekking itinerante di gruppo con guida Four Seasons
Cosa facciamo:
trekking attorno al Lago di Bolsena in tre tappe; percorso lungo un tratto della Via Francigena; visite di luoghi storici; enogastronomia locale;
Come:
week end itinerante di gruppo con guida Four Seasons (min. 6 max. 15 partecipanti).
Speciale perchè:
un patrimonio naturalistico, storico, archeologico e leggendario affascinante; è il Lago vulcanico più grande d'Europa; ercorreremo una tappa dell’antica Via Francigena;
Area di rilevanza naturalistica:
area protetta del Lago di Bolsena e dei Monti Vulsini;
Partenze disponibili e costi:
Data PartenzaDurataQuotaStato
Tutto l'anno3 giorni/2 nottida definireIscrizioni aperte


La quota comprende:
pernottamento in BB, in camere doppie con servizi privati; la prima colazione; assistenza di Guida Ambientale Escursionistica.

La quota non comprende:
spese di apertura pratica; trasporti e trasferimenti; quota per trasporto bagagli; i pasti non espressamente inclusi e tutte le bevande; le entrate ai musei, ai parchi e ai monumenti; quanto non contemplato nella voce "La quota comprende".

Sistemazione in singola: su richiesta con supplemento, a disponibilità limitata.
 
Spese apertura pratica: € 10,00 - Obbligatorie, per persona. Comprendono l’assicurazione medico-bagaglio; sono utilizzate anche per finanziare progetti di compensazione delle emissioni di CO2 derivanti dalla partecipazione ai viaggi.
 
NB: la quota è basata sulla sistemazione in doppia, con abbinamento con un altro compagno di viaggio dello stesso sesso. La camera singola è disponibile, su richiesta, soggetta a disponibilità, con supplemento. Nei rari casi in cui ciò non sia possibile, il partecipante che pur non avendone fatta richiesta dovesse essere sistemato in camera singola sarà soggetto ad un supplemento pari al 50% del supplemento singola, da corrispondere prima della partenza. Tale supplemento sarà comunque rimborsato nel caso in cui l'iscrizione di un ulteriore partecipante consenta di procedere con l’abbinamento.
 
CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO 
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984 

 
Programma:
1° giorno
MONTEFIASCONE - CAPODIMONTE
La partenza del nostro giro sarà dalla Rocca dei Papi di Montefiascone (637 m.), più esattamente dalla Torre del Pellegrino, punto di arrivo dei pellegrini della Francigena, a 100 km. da Roma. Emozionante la vista mozzafiato che si gode dall'alto, sul Lago di Bolsena e su tutto il territorio circostante,  da Radicofani al Monte Amiata, dal mare ai Monti Cimini; avremo una visione complessiva delle tappe del nostro percorso.  Scenderemo fino al Lago, in uno scenario meraviglioso, tra vigneti e uliveti, fino a scoprire l’isola Martana, su cui fu imprigionata ed assassinata la regina dei Goti Amalasunta. Costeggiando le rive del Lago raggiungeremo Marta (315 m.), Attraversiamo l’antica cittadina per poi raggiungere Capodimonte (334 m. ), dominato dalla Rocca Farnese.   
 
Dislivello in discesa:320m – Lunghezza: 17km –Durata: 5:30 ore
 
 
2° giorno
CAPODIMONTE - BOLSENA
Questa tappa inizierà con la visita del promontorio dell’antica Bisentium (406 m.), insediamento protostorico, città etrusca, poi romana, distrutta dai Longobardi. Dal suggestivo colombario si gode una bellissima veduta sull'isola Bisentina. Il nostro viaggio prosegue ai bordi delle acque color cobalto del lago, circondati da colline lussureggianti; quasi tutto sulla linea di costa, generalmente bassa e sabbiosa, a tratti paludosa. Il lago assume un aspetto a volte pittoresco, a volte suggestivo. Giungeremo alla vista della cittadina di Bolsena e della sua Rocca.
 
Dislivello: 100m – Lunghezza: 21km –Durata: 6:00 ore
 

3° giorno
BOLSENA - MONTEFIASCONE
Oggi si parte da Bolsena, la città del Miracolo eucaristico, che ha dato origine al Corpus Domini; proprio dalla Basilica di Santa Cristina,  fondamentale tappa dei pellegrini sul percorso dell'antica via Francigena alla volta di Roma, che ha ospitato, per secoli, fiumi di Romei. Tra uliveti e macchie di boscaglia il percorso si allontana da Bolsena e attraversa il bellissimo Parco del Turona, tra cascatelle e antichi mulini in disuso. Con continui saliscendi e splendide viste sul lago, tra sentieri e carrarecce, ripercorrendo alcuni tratti in basolato dell'antica via Cassia, giungeremo alla Rocca dei Papi a Montefiascone, a 100 chilometri esatti dalla tomba di Pietro. A partire dal 1994 la Via Francigena è stata dichiarata "Itinerario Culturale del Consiglio d'Europa" assumendo, alla pari del Cammino di Santiago di Compostela, una dignità sovranazionale.
 
Dislivello in salita: 600m – Lunghezza: 18km –Durata: 5:30 ore

CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO 
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984
Come arrivare:

Mezzi propri o mezzi pubblici

In treno: treno regionale da Orte o Attigliano Bomarzo per Montefiascone + bus urbano della ItalViaggi (linea 2)

In pullman: pullman della line Cotral con cambio a Viterbo
Meta:
Lago di Bolsena
Partenza da:
Montefiascone
Arrivo a:
Montefiascone
Alloggio:
alberghi familiari e B&B.
Cosa portare:
scarponi da trekking, giacca antipioggia, abbigliamento comodo, cappello, occhiali da sole, crema solare protettiva, borraccia, zaino da 30/40 litri, binocolo, macchina fotografica.
Trasporti locali:
non previsti.
Pasti:
le prime colazioni nelle strutture ospitanti.
Curiosità:
IL LAGO DI BOLSENA.
Il Lago di Bolsena, il più grande d'Europa tra quelli di origine vulcanica, vanta un ambiente naturale quasi completamente incontaminato. Inoltre, è uno dei pochi grandi laghi italiani ad essere totamente balneabile. La pulizia delle sue acque (recita un detto dei pescatori che questo è "il lago che si beve!") ha garantito uno straordinario sviluppo di specie animali e vegetali, tra cui molte specie di alghe e piante subacquee quasi completamente scomparse in altri bacini lacuali. Celeberrime sono poi le anguille del lago di Bolsena menzionate, persino, nel Canto XXIV del Purgatorio di Dante e delle quali sarebbe stato assai goloso il Papa Martino IV.

Data partenza:
Tutto l'anno
 
 

share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookshare-googleplus
 
Lago Etruschi, LazioChiesa Santa Cristina, BolsenaBolsena, LazioBolsena, castello

Richiedi maggiori info

Codice di sicurezza