Cerca il tuo viaggio
 
Crea il tuo viaggio

Area download

Seguici anche su:

Viaggi e vacanze
Tutto l'anno

PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

Un paradiso di emozioni e suggestioni
Difficoltà: zampazampazampa
da definire
 
Presentazione del viaggio
 
 Il Gran Paradiso è uno dei più noti parchi nazionali ed anche il più antico d’Italia. E’ considerato fra i principali d’Europa non solo perché tra le sue montagne vi trovano rifugio lo stambecco e altre specie faunistiche, ma anche per la grandiosità dell’ambiente, il cui fulcro è idealmente rappresentato dal Gran Paradiso con i suoi 4061m d’altezza e per la gran varietà della vegetazione, favorita dalle più svariate condizioni esistenti tra valle e valle e tale da rappresentare nel suo insieme la flora alpina. Il parco è famoso per la bellezza delle sue cime, i ghiacciai ancora imponenti, valli solcate da innumerevoli torrenti e piccoli ruscelli, ma soprattutto per la facilità con cui si avvistano animali come camosci, stambecchi e marmotte; per non parlare poi di aquile e del resto della variegata fauna che qui vive tranquilla. Dal nostro paesino partiremo ogni giorno per un’escursione diversa, ai piedi di ghiacciai e cime, percorrendo le “strade reali”, le mulattiere che fece costruire Vittorio Emanuele II nel 1800 per collegare le “case reali di caccia”, ammirando laghetti alpini con i prati in fiore che li circondano.
Tipologia:
viaggio escursionistico di gruppo con guida Four Seasons
Cosa facciamo:
escursioni a piedi; visite ai luoghi caratteristici; enogastronomia locale.
Come:
viaggio di gruppo con guida Four Seasons (min. 6 max. 15 partecipanti)
Speciale perchè:
il primo parco nazionale italiano istituito nel 1922; 70.000 ettari di spettacolare ambiente alpino con cime imponenti; il luogo preferito dal Re Vittorio Emanuele II per le sue vacanze
Area di rilevanza naturalistica:
Parco Nazionale Gran Paradiso
Partenze disponibili e costi:
Data PartenzaDurataQuotaStato
Tutto l'anno8 giorni/7nottida definireIn preparazione


La quota comprende:
sistemazione in camere doppie con servizi privati; mezza pensione, dalla cena del primo giorno alla 1a colazione dell’ultimo; assistenza di Guida Ambientale Escursionistica.

La quota non comprende:
spese di apertura pratica (vedi sotto) ; trasporti e trasferimenti; i pasti non espressamente inclusi e tutte le bevande; spese per carburante, pedaggi e parcheggi; le entrate ai musei, ai parchi e ai monumenti; eventuali tasse di soggiorno; quanto non contemplato nella voce “La quota comprende”.
 
Sistemazione in singola: su richiesta con supplemento, a disponibilità limitata.

Spese apertura pratica:  € 10,00 - Obbligatorie, per persona. Comprendono l’assicurazione medico-bagaglio; sono utilizzate anche per finanziare progetti di compensazione delle emissioni di CO2 derivanti dalla partecipazione ai viaggi.
 
NB: la quota è basata sulla sistemazione in doppia, con abbinamento con un altro compagno di viaggio dello stesso sesso. Nei rari casi in cui ciò non sia possibile, il partecipante che pur non avendone fatta richiesta dovesse essere sistemato in camera singola sarà soggetto ad un supplemento pari al 50% del supplemento singola, da corrispondere prima della partenza. Tale supplemento sarà comunque rimborsato nel caso in cui l'iscrizione di un ulteriore partecipante consenta di procedere con l’abbinamento.
 

  
Programma:
1° giorno 
NOASCA

Arrivo dei partecipanti e sistemazione in albergo. Incontro con la guida alle ore 19,00 e presentazione del viaggio con introduzione al Parco e alle attività.
 
2° giorno 
VALLONE DEL ROC - NOASCA

Partenza per l'escursione verso il Vallone del Roc, lungo l’antico sentiero che attraversa i villaggi d’alta quota ormai abbandonati, dove è possibile vedere preziose testimonianze del passato, come la vecchia scuola utilizzata dai bimbi della borgata, che ancora conserva all’interno i banchi e la lavagna
Dislivello: 450m in salita, 900m in discesa – Lunghezza A/R: 10km – Durata A/R: 5:30 ore
 
3° giorno 
LAGO NERO - COLLE DEL NIVOLET

Una riposante escursione in quota al cospetto dei giganti del massiccio del Gran Paradiso, attraverso un particolare paesaggio "carsico"  costellato di laghetti e stelle alpine.
Dislivello: 214m – Lunghezza A/R: 8km – Durata A/R: 3:00 ore
 
4° giorno 
RIFUGIO GUGLIELMO JERVIS AL PIAN DEL NEL - CERESOLE REALE

Escursione ad anello tra i suggestivi boschi di Ceresole Reale, attraversando torbiere e un raro bosco di cembri, che ci porterà al Pian del Nel, dove troveremo ad accoglierci il Rifugio Guglielmo Jervis.
Dislivello: 670m – Lunghezza A/R: 6km – Durata A/R: 5:00 ore
 
5° giorno 
PIAN BORGNO - COLLE DEL NIVOLET

Mattinata relax con visita al Centro visitatori del PN Gran Paradiso a Noasca e poi trasferimento al Colle del Nivolet per una splendida escursione panoramica pomeridiana, con un percorso per lo più pianeggiante, attraverso il Piano del Nivolet e salita verso Pian Borgno, vallone popolato da stambecchi e camosci, al cospetto del ghiacciaio dell’Houiller e del massiccio del Gran Paradiso. Splendide fioriture e confidenti marmotte ci accompagneranno durante l’escursione. Al termine ricca polentata presso il Rifugio Savoia, al Pian del Nivolet e a seguire rientro in hotel, non prima di aver dato uno sguardo al cielo stellato!
Dislivello: 100m – Lunghezza A/R: 13km – Durata A/R: 4:00 ore
 
6° giorno 
CA’ BIANCA- CERESOLE REALE

Piacevole escursione attraverso un folto lariceto che ci condurrà ad un alpeggio da cui godremo di un ampio panorama sulle Levanne, “le dentate e scintillanti vette” cantate da Giosuè Carducci nei suoi versi.
Ammireremo dall’alto il coronamento della diga di Ceresole e il suo lago artificiale, ammirandone le particolarità costruttive. Al rientro dell'escursione, una golosa merenda con il “Ceresolino” e visita del laboratorio dello scultore del legno Marco Rolando.
Dislivello: 330m in salita, 440 in discesa – Lunghezza A/R: 5,5km – Durata A/R: 4:30 ore
 
7° giorno 
COLLE LEYNIR - COLLE DEL NIVOLET

Sicuramente la più emozionante escursione della settimana, che attraversando paesaggi lunari ci condurrà sulla splendida balconata che si affaccia su uno spettacolo mozzafiato: i ghiacciai della valle di Rhemes ed in lontananza il massiccio del Monte Bianco, che ci faranno presto dimenticare la fatica della salita.
Dislivello: 552m – Lunghezza A/R: 5km – Durata A/R: 5:00 ore
 
8° giorno 
NOASCA/LUOGHI DI PROVENIENZA

Dopo colazione, partenza per i luoghi di provenienza.
Come arrivare:

Mezzi propri e/o mezzi pubblici

L’appuntamento con la guida sarà fissato in hotel alle 19:00.

CON I MEZZI PUBBLICI

Dalla stazione di Torino Porta Susa, prendere il treno del Servizio Metropolitano Ferroviario SFM fino a Rivarolo oppure Pont, da cui partono i bus GTT per Noasca.

NB: i bus da Rivarolo per Noasca fermano anche a Pont. Sono disponibili solo due orari per il sabato, uno alle 12:44 ed uno alle 17:44, entrambi compatibili con l’appuntamento.

Meta:
Piemonte, Parco Nazionale Gran Paradiso
Partenza da:
Roma, Milano, o altre città
Arrivo a:
Noasca
Alloggio:
albergo a Noasca
Trattamento:
mezza pensione
Note:
NB: il viaggio richiede una buona forma fisica ed un certo grado di preparazione.
Cosa portare:
abbigliamento comodo e caldo, scarponi da trekking, zaino 25-35 litri, borraccia, cappellino e occhiali da sole, mantella antipioggia o giacca impermeabile, coprizaino; macchina fotografica e binocolo
Trasporti locali:
mezzi propri
Pasti:
colazioni e cene in hotel incluse, pranzi al sacco a carico dei partecipanti (non inclusi)
Curiosità:
IL PARCO E GIOSUE' CARDUCCI. Nel Parco Nazionale Gran Paradiso, come ricorda una lapide a Ceresole Reale, il poeta Giosuè Carducci, al cospetto delle cime del gruppo delle Lavanne, compose l'ode "Piemonte". Fu cominciata il 27 luglio 1890 e pubblicata il 20 settembre del medesimo anno. Da quell'alta stazione alpina a 1495 metri sul livello del mare, da dove si ammirano le vette dentate del Gran Paradiso, il Poeta abbraccia con la fantasia tutta la cerchia delle Alpi piemontesi e segue il corso dei fiumi che si precipitano dai ghiacciai giù per le valli "con l'impeto di accorrenti battaglioni, col sonito di cantanti epopee, portando alle città, industri, non molli ozi e vane leggende, ma gran tesoro di gagliardia e di ricchezza".
 
Riportiamo i primi versi iniziali:
Su le dentate scintillanti vette / salta il camoscio, tuona la valanga / da' ghiacci immani rotolando per le selve croscianti:
ma da i silenzi de l'effuso azzurro / esce nel sole l'aquila, e distende / in tarde ruote digradanti / il nero volo solenne.
Salve, Piemonte! A te con melodia / mesta da lungi risonante, come / gli epici canti del tuo popol bravo...

Citiamo per concludere una sintesi sul Parco dello scrittore alpinista Samivel: 
"Il Parco Nazionale protegge contro l'ignoranza e i vandalismi, beni e ricchezze che appartengono a tutti. Qui lo spazio, qui l'aria pura, qui il silenzio. Il regno della natura intatta e degli animali selvatici. La debolezza ha paura di grandi spazi. La stupidità ha paura del silenzio. Aprite gli occhi e le orecchie, chiudete le radioline niente rumori, niente grida, niente clacson. Ascoltate la musica delle montagne!"

Prenotazioni entro:
prima possibile, viaggio a numero chiuso.
Data partenza:
Tutto l'anno


 
 

share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookshare-googleplus
 
Gran ParadisoGran ParadisoGran ParadisoGran Paradiso

Richiedi maggiori info

Codice di sicurezza