Cerca il tuo viaggio
 
Mowgli scuole
Crea il tuo viaggio

Area download

Viaggi e vacanze
dal 21 al 29 Marzo

GIORDANIA - SPECIALE MARZO

Petra e il Wadi Rum: trekking originale fra deserto, riserve e canyon
Difficoltà: zampazampa
1750,00 €
 
Presentazione del viaggio
 
La sabbia ed il vento del Wadi Rum sulle mani. Galleggiare a pelo d’acqua, sul sale del Mar Morto, quattrocento metri sotto il livello del mare. I colori delle migliaia di tessere che compongono la mappa della Terra Santa di Madaba. I piaceri del Califfo negli affreschi del Qusayr ʿAmra. I colori della Tomba della Seta a Petra. 
 
Terra di grandi civiltà e di lunghi racconti, la Giordania è disseminata di tracce dei popoli che l’hanno abitata: dai pittogrammi dei primi nomadi del Wadi Rum alle grandiose architetture nabatee di Petra, passando per le città bibliche di Sodoma e Gomorra. Ma il cuore del Paese è di sabbia. Lasciata la sua bianca capitale, tutta la vita della Giordania sembra nascere dal deserto. Ed è qui che comincerà il nostro viaggio, dalle vestigia dei castelli Omayyadi, dal Qaṣr al-Kharāna, caravanserraglio e crocevia che emerge dal deserto basaltico, al Qusayr ‘Amra, scandaloso “centro termale” di Walid I, Patrimonio Mondiale UNESCO. Da qui ci muoveremo verso Madaba, capitale dei mosaici e melting pot di religioni, e il Monte Nebo, luogo carico di misticismo dove morì Mosè dopo aver visto la Terra Promessa. Le rive bianche di sale del Mar Morto ci appariranno già lungo la Strada dei Re, anticipazione di una giornata sulle rive del lago salato, fra bagni memorabili e fanghi, prima di iniziare Un’escursione nella riserva del Wadi Mujib, alla ricerca dello stambecco nubiano e all’esplorazione delle rovine dei maestosi castelli crociati di Kerak, più famoso, e di Shobak, tutto cunicoli e sorprese, seguirà lei, Petra, l’inespugnabile città nabatea, nascosta al mondo fino ai primi anni del XIX secolo, che dorme affondata nelle sabbie colorate, e che raggiungeremo nel modo più spettacolare, ovvero con il trekking da Piccola Petra. Sperimenteremo poi l’accoglienza dei beduini nel Wadi Rum, deserto dalle sabbie cangianti, puntellato di archi d’arenaria, e poi ad Aqaba scopriremo le meraviglie della barriera corallina e la vita pulsante del suq. La Giordania è tutto questo e molto di più, e non delude mai il viaggiatore, anche il più esigente, mostrando tutta la sua autenticità ed ospitalità nella frase che vi sentirete ripetere ovunque in modo sincero ed orgoglioso: “Welcome to Jordan!”.
 
CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984
 
Tipologia:
viaggio escursionistico di gruppo con guida Four Seasons
Cosa facciamo:
escursioni a piedi; visite a città, monumenti e luoghi storici; passeggiate nel deserto e nei canyon; trekking nelle riserve e a Petra
Come:
viaggio di gruppo con guida Four Seasons (min. 6 max. 16 partecipanti)
Speciale perchè:
Petra, la seconda meraviglia del mondo moderno; un bagno nel Mar Morto, dove non si può affondare; la notte sotto le stelle nel deserto del Wadi Rum
Area di rilevanza naturalistica:
il deserto del Wadi Rum; la Riserva del Wadi Mujib
Partenze disponibili e costi:
Data PartenzaDurataQuotaStato
21 Mar 20209 giorni/8 notti1750,00 €Completo


La quota comprende:
pernottamento in hotel, chalet e campo tendato in camere doppie con servizi privati; mezza pensione, dalla cena del primo giorno alla colazione dell’ultimo giorno; pulmino con autista per tutta la durata del viaggio; tutti i trekking con guide locali; jeep tour nel Wadi Rum; transfer da/per l’aeroporto; il visto d’ingresso; tutti gli ingressi previsti dal programma; guida locale durante il tour, assistenza di Guida Ambientale Escursionistica; il volo A/R dall’Italia per Amman.
 
N.B.: su alcune partenze la guida potrebbe partire da un aeroporto diverso da quello degli altri partecipanti, o essere già in loco all’arrivo.

La quota non comprende:

spese di apertura pratica; le tasse aeroportuali (€ 310,00); i pranzi e le bevande; quanto non contemplato nella voce "La quota comprende".

Sistemazione in singola: su richiesta con supplemento (320,00€), a disponibilità limitata.

Spese apertura pratica: € 30,00 - Obbligatorie, per persona. Comprendono l’assicurazione medico-bagaglio; sono utilizzate anche per finanziare progetti di compensazione delle emissioni di CO2 derivanti dalla partecipazione ai viaggi.

NB: la quota è basata sulla sistemazione in doppia, con abbinamento con un altro compagno di viaggio dello stesso sesso. Nei rari casi in cui ciò non sia possibile, il partecipante che pur non avendone fatta richiesta dovesse essere sistemato in camera singola sarà soggetto ad un supplemento pari al 50% del supplemento singola, da corrispondere prima della partenza. Tale supplemento sarà comunque rimborsato nel caso in cui l'iscrizione di un ulteriore partecipante consenta di procedere con l’abbinamento. 

Programma:
1° GIORNO - 21 marzo
ITALIA – AMMAN – Benvenuti in Giordania!
Partiremo dall’Italia con volo di linea per Amman. Arriveremo all’aeroporto internazionale di Amman. Disbrigo delle formalità per l’ottenimento del visto. Ci trasferiremo in hotel ad Amman. Assegnazione delle camere, check-in, rilascio dei bagagli. Cena e pernottamento.
 
2° GIORNO - 22 marzo
CASTELLI DEL DESERTO/MADABA/MONTE NEBO E MAR MORTO – Sulle orme del Califfo!
Dopo la prima colazione, lasciata Amman, dedicheremo la mattinata ai Castelli del Deserto più importanti ad est della Capitale. Dentro il Qasr-al-Kharana, dalla imponente pianta quadrata, attraverseremo innumerevoli stanze, e sulle volte del Qusayr‘Amra, Patrimonio Mondiale dell’Unesco, scopriremo le fantasie proibite del califfo. In tarda mattinata arriveremo a Madaba, che visiteremo con il suo melting pot di religioni e il piccolo, caratteristico suq, prima di pranzare e ripartire per il Monte Nebo. Luogo di culto sin dall’antichità, ci colpirà per l’atmosfera di misticismo che si respira e per il panorama su tutta la “Terra promessa”. Da qui prenderemo la Strada dei Re, che ci condurrà circa 400m sotto il livello del mare, sulle rive del Mar Morto. Cena e pernottamento in hotel o chalet.
 
3° GIORNO - 23 marzo
MAR MORTO/KERAK E DANA – Trekking, antichi castelli e natura…un giorno pieno di sorprese
Dopo colazione, partiremo verso sud, dove andremo a visitare le stanze e i cunicoli del maestoso castello di Kerak. Qui l’alternarsi del dominio arabo di Saladino a quello crociato ha generato interessanti sincretismi architettonici, che scopriremo insieme durante l’esplorazione di sale e cunicoli. Pranzo lungo il cammino.

Ci dirigeremo poi nella riserva di Dana, per intraprendere un primo trekking pomeridiano fra i rilievi mozzafiato di questa straordinaria riserva, passando per canyon, antichi passaggi carovanieri e punti panoramici da mille e una notte. 
 
 Dislivello solo discesa: 250 m – Lunghezza: 5 km – Durata: 2 ore   

Cena e pernottamento a Dana circondati da uno scenario mozzafiato!

 
4° GIORNO - 24 marzo
TREKKING DA DANA A FEYNAN – Escursione verso la fabbrica dei sogni!
La giornata di oggi sarà dedicata a uno dei più bei sentieri percorribili nella Riserva di Dana. Nonostante la lunghezza, il percorso è accessibile a chiunque abbia un minimo di allenamento perchè prevalentemente in discesa. Il trekking dal villaggio di Dana a Feynan, attraversando tutta la riserva di Dana circondati da paesaggi quasi lunari (trekking medio-difficile ma solo per la lunghezza, da 4 a 5 ore, tutto in discesa, dall’inizio alla fine, e con pranzo al sacco durante l’escursione).
Raggiunto il nostro ecoresort a Feynan, avremo tempo per rilassarci in un luogo fuori dal tempo dove le sole luci ad accompagnarci saranno quelle delle tante candele disseminate ovunque.
Cena e pernottamento a Feynan.

Dislivello solo discesa: 800 m – Lunghezza: 14 km – Durata: 5 ore

5° GIORNO - 25 marzo
FEYNAN/SHOBAK E PETRA – Alla difesa del castello di Shobak!
Tornati in 4x4 da Feynan a Dana, riprenderemo i nostri bagagli e partiremo alla volta del maestoso castello di Shobak, un vero gioiello arroccato su un promontorio praticamente inespugnabile, che ci consentirà di capire come cristiani e musulmani si passavano di mano castelli e avamposti al tempo delle crociate.
Ci recheremo poi a Petra, che raggiungeremo nel pomeriggio. Avremo tempo per rilassarci nell’hammam e per una eventuale visita di Petra by night, preparandoci alle meraviglie che ci attendono il giorno successivo.
Cena e pernottamento a Petra.

6° GIORNO - 26 marzo
TREKKING DA PICCOLA PETRA A PETRA – da viaggiatori a antichi carovanieri
Tutta la giornata sarà dedicata alla visita di Petra, inespugnabile capitale nabatea, che raggiungeremo attraverso l’antico percorso dei carovanieri e non dall’entrata classica (dalla quale entreremo però il giorno successivo). Chiamata anche “Città Rosa” per il colore dell’arenaria in cui è scolpita, e nascosta al mondo per secoli, la città, che pur si estende per diversi chilometri, è solo una piccola parte di quanto i nabatei costruirono intorno al Wadi Musa. Avremo modo di passeggiare lungo la via delle facciate, di incantarci davanti al Khazneh ed alle Tombe Reali, in una giornata densa di sorprese architettoniche e naturalistiche.
La raggiungeremo in modo “originale”, come facevamo gli antichi mercanti nabatei: con un trekking da piccola Petra (Al-Beida) a Petra, arrivando al “Monastero” per poi percorrere tutta la città rosa.
Dedicheremo poi il resto della giornata alla visita delle parti meno conosciute di Petra ma per questo forse ancora più spettacolari. Potremo scegliere se andare a vedere il Khazneh dall’alto, il cosiddetto “Tesoro del Faraone”, per scattare foto indimenticabili, oppure recarci ai luoghi alti dei sacrifici e concludere il tutto andando verso la tomba incompiuta, per una sequenza di trekking fuori dal turismo di massa.
Al rientro in hotel ci godremo il meritato riposo e, per chi lo vorrà, un percorso benessere in un hammam tradizionale, con scrub e massaggi.
Cena in hotel a Petra e pernottamento.

Dislivello salita/discesa: 400 m
Lunghezza: 16 km (escluse le escursioni facoltative, ma incluse, dentro Petra)  
Durata: 7 ore


7° GIORNO - 27 marzo
PETRA/DESERTO DEL WADI RUM – Il the nel deserto fra dune, archi di roccia e antiche iscrizioni
In mattinata, entreremo di nuovo a Petra ma stavolta percorrendone lo spettacolare Siq, la gola di 1,2km che termina davanti al “tesoro”, il suo monumento più famoso e conosciuto. Mentre percorreremo la gola ci verranno in mente certamente le scene famose del film “Indiana Jones e l’Ultima Crociata”, dove venne ambientata la scena finale che fece “scoprire” mediaticamente le meraviglie di Petra al mondo.
Lasceremo poi Petra per dirigerci verso il solitario deserto del Wadi Rum.

Nel pomeriggio inizieremo le nostre attività nel Wadi Rum. Riserva naturale e area protetta, oltre che Patrimonio Mondiale UNESCO, l’esplorazione del deserto ci regalerà le emozioni di un paesaggio dalle sabbie cangianti col variare della luce e dalle morbide rocce di arenaria, che emergono dalla sabbia come antichissimi giganti.
La giornata trascorrerà fra molteplici attività, la maggior parte delle quali ci porterà a toccare con mano il deserto, la sua sabbia, le sue pietre…scalando piccoli archi di roccia (niente paura, è più facile di quanto sembri!), percorrendo canyon dalle altissime pareti, correndo sulle dune a piedi scalzi (per chi lo vorrà…) e apprendendo qualcosa in più sulla vita dei beduini del deserto.
Ci muoveremo poi verso il campo beduino che ci accoglierà per una notte sotto le stelle del deserto, non prima però di aver ammirato un tramonto davvero unico!

Cena tipica beduina cucinata sotto la sabbia e pernottamento in tende beduine dotate di letti.
 
Dislivello: nullo – Lunghezza: 3 km – Durata: 1.5 ore

8° GIORNO - 28 marzo
DESERTO DEL WADI RUM E AQABA – Gran finale fra i coralli del Mar Rosso!
Dopo aver atteso, per chi lo vorrà, l’alba nel deserto, e consumata la nostra colazione sotto le tende beduine, partiremo alla volta di Aqaba. Unica città giordana affacciata sul Mar Rosso, Aqaba ci regalerà l’atmosfera della città di mare che non ci aspetteremmo. Qui ci recheremo in uno stabilimento balneare per un gran finale dedicato al mare e al relax, circondati dal Mar Rosso in cui potremo bagnarci facendo snorkeling fra i pesci della barriera corallina, prima di dedicare il tardo pomeriggio allo shopping nel vivace suq, ai bagni turchi e ai cibi tipici, per un’ultima immersione nella cultura giordana! Cena e pernottamento in hotel ad Aqaba.
 
9° GIORNO - 29 marzo
AQABA/AMMAN E RIENTRO IN ITALIA – Arrivederci in Giordania!
Colazione al mattino presto e partenza per l’aeroporto di Aqaba, dove prenderemo il volo interno per Amman. Tempo per i saluti, volo per l’Italia e…arrivederci al prossimo viaggio!

Come arrivare:
Volo diretto A/R Roma/Amman e Aqaba/Amman/Roma: incluso nella quota. (Tasse aeroportuali non incluse pari a 310,00€).

Partenze da altre città: possibilità di collegamenti nazionali con volo Alitalia via Roma (previa disponibilità ed operatività).

Meta:
Amman, Giordania
Partenza da:
Roma, Milano o altre città su richiesta
Arrivo a:
Amman
Alloggio:
alberghi nelle città, chalet sul Mar Morto, campo tendato nel deserto del Wadi Rum
Trattamento:
Trattamento di mezza pensione, con colazione e cena in hotel
Note:
Documenti:
Passaporto valido per tutta la durata del viaggio, con validità residua di almeno 6 mesi dalla fine del viaggio
Visto: da apporre all’arrivo in Giordania (incluso)
Tessera sanitaria 
Stampa cartacea del biglietto di andata e ritorno
 
Normative specifiche per i minori. Maggiori info su www.viaggiaresicuri.it


Cosa portare:
abbigliamento adatto ad un trekking escursionistico leggero, pile e giacca a vento, scarponcini da trekking, zaino, scarpe comode per i trekking urbani, borraccia, occhiali da sole, cappello, costume da bagno, crema solare, torcia.
Trasporti locali:
Pulmino con aria condizionata con autista per tutta la durata del viaggio
Pasti:
Tutti i pranzi al sacco autogestiti (la guida porterà il gruppo in locali tipici, preventivare circa 90,00 € per tutta la durata del tour)
Curiosità:
PETRA - chiamata anche la “città perduta”, Petra è spesso descritta come una delle otto meraviglie del mondo antico. La sua stessa storia è affascinante. Nonostante la sua grande importanza nell'antichità, dal XIV secolo d.C. fu praticamente dimenticata per essere poi riscoperta solo nel 1812 da un viaggiatore svizzero, Johann Ludwig Burckhardt. Da allora il flusso di estimatori non si è mai fermato. Gli arabi Nabatei, vi si insediarono oltre 2000 anni fa costruendola nella nuda roccia e facendone lo snodo cruciale per le rotte commerciali della seta e delle spezie. Vi si accede attraverso il Siq, una stretta gola, lunga più di 1 chilometro, fiancheggiata da ripide pareti rocciose alte 80 metri. Già fare questo percorso è un'esperienza unica che vi porterà di fronte al celeberrimo Khazneh (il Tesoro), con l'imponente facciata rosa pallido alta 43 metri e larga 30. E non è che l’inizio!

IL RITO DEL CAFFE' - tra i molti riti che si celebrano quotidianamente sotto le tende di lana nera, la cerimonia della preparazione del caffè (jaha), riservata al ricevimento degli ospiti e ai momenti importanti, rimane sicuramente una delle tradizioni più affascinanti dei nomadi che ancora oggi vivono nascosti tra le gole rocciose e le dune di sabbia rossa del Wàdi Rum, il deserto giordano. Una semplice buca scavata nel terreno accoglie le braci sulle quali inizia a bollire l’acqua, bene prezioso e sacro per i beduini del deserto, utilizzando un grande bricco metallico, mentre a lato si tostano a fuoco vivo nell’apposta padella (mihamasa) i chicchi ancora verdi di Arabica. Il caffè e i chicchi di cardamomo vengono quindi pestati separatamente nel mortaio di legno fino a ridurli in polvere. La miscela viene messa poi in infusione con acqua calda in un primo bollitore, dove vi rimane a lungo, anche sei o sette ore, per ricavare l’infuso di base khamìr. Da questo infuso si prepara il caffè beduino: al liquido viene aggiunta in una diversa caffettiera metallica dal manico lungo, altra miscela di caffè e cardamomo. Dopo una nuova bollitura, il caffè sarà pronto per essere travasato nella caffettiera araba da servizio, finemente cesellata, che verrà utilizzata per servire gli ospiti a partire dal più anziano fino al più giovane, iniziando da destra in senso antiorario. La cerimonia prevede una sequenza di tre passaggi di caffè, sempre servito amaro e in piccoli quantitativi. Il primo assaggio è sinonimo di ospitalità (diyàfat) e si accompagna ad un augurio di pace; il secondo giro (as sefe) augura al nuovo giunto il benvenuto e l’assenza di conflitto; l’ultimo invece è quello dell’allegria (al keif) e dell’amicizia. A cerimonia conclusa il caffè continua a circolare tra gli ospiti che vengono invitati a berne fino a sazietà. Il padrone di casa continuerà a servirne finché l’ospite, facendo oscillare tra il pollice e l’indice, da destra e sinistra, la propria tazzina vuota, comunicherà con questo gesto che non ne desidera altro.

Data partenza:
21-03-2020
 
 
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookshare-googleplus
 
GiordaniaGiordania

Richiedi maggiori info

Codice di sicurezza