Cerca il tuo viaggio
 
Mowgli scuole
Crea il tuo viaggio

Area download

Viaggi e vacanze
dal 20 al 27 Settembre

ISCHIA - 8 giorni

Sull'isola verde tra natura, terme e ottima cucina
Difficoltà: zampazampa
880,00 €
 
Presentazione del viaggio
Un viaggio ad Ischia non è una semplice vacanza su un’isola, ma una vera e propria esperienza, completa in ogni sua sfaccettatura. Il luogo comune che si è creato attorno al mito dell’isola verde è costituito dal trinomio sole, mare e parchi termali, ma Ischia autentica è molto di più: vigneti, macchia mediterranea, bosco e pineta, crateri, duomi lavici, calanchi, sorgenti, tufo, pomice e solfatara. Durante le nostre escursioni a piedi visiteremo antiche cantine dove si respira forte l’odore del mosto e delle tradizioni, scopriremo case misteriose alle pendici del Monte Epomeo (789m) scavate nel tufo verde, passando le dite tra le scalfitture ancora visibili dei picconi che le hanno create. Potremo non solo respirare l’odore acre dello zolfo ma anche sentirne la consistenza tra le mani. Lungo i sentieri conosceremo le diverse piante aromatiche come l’origano selvatico, il mirto e la pipernia, l’erba aromatica utilizzata per cucinare il piatto tipico isolano: coniglio all’Ischitana! Mangeremo prodotti locali e degusteremo vini doc ricavati da vigneti a terrazzamenti tra i quali non mancheremo di passeggiare. Ci perderemo tra stretti vicoli detti “Saraceni” poiché furono costruiti nel tentativo di difendersi dalle continue incursioni via mare di questi feroci pirati. Visiteremo inoltre la vicina isola di Capri, con un trekking che ci porterà a visitare le zone lontane dal caos della parte turistica, ma senza lasciarci sfuggire il bellissimo panorama sui faraglioni.
 
CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO
 infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984  
 
Tipologia:
viaggio di gruppo con guida Four Seasons
Cosa facciamo:
escursioni a piedi di difficoltà; visite culturali; enogastronomia ischitana; bagni al mare e alle terme
Come:
viaggio di gruppo con guida Four Seasons (min. 6 max. 15 partecipanti)
Speciale perchè:
le splendide terme di origine vulcani; l’ottima cucina ischitana casareccia e i vini locali; l’Isola di Capri con la vista dei faraglioni
Area di rilevanza naturalistica:
i vigneti a picco sul mare;fumarole e il tufo verde
Partenze disponibili e costi:
Data PartenzaDurataQuotaStato
20 Set 20208 giorni/7 notti880,00 €Confermato
21 Giu 20208 giorni/7 notti880,00 €Confermato


La quota comprende:
pernottamento in hotel, in camere doppie con servizi privati; mezza pensione, dalla cena del primo giorno alla 1a colazione dell'ultimo; transfer sull'isola per spostamenti secondo programma; degustazione vini locali; assistenza di Guida Ambientale Escursionistica per tutta la durata del viaggio.

La quota non comprende:
spese di apertura pratica; traghetto da e per Ischia; i pranzi e le bevande; transfer da e per i porti; eventuali tasse di soggiorno; la gita a Capri e il giro dell'isola d'Ischia in barca con sosta a Procida; le eventuali entrate ai musei, ai parchi e ai monumenti; quanto non contemplato nella voce "La quota comprende".
 
Sistemazione in singola: €170,00 su richiesta con supplemento, a disponibilità limitata.

Spese apertura pratica:  € 10,00 - Obbligatorie, per persona. Comprendono l’assicurazione medico-bagaglio; sono utilizzate anche per finanziare progetti di compensazione delle emissioni di CO2 derivanti dalla partecipazione ai viaggi.
 
NB: la quota è basata sulla sistemazione in doppia. Con le recenti disposizioni, l’abbinamento in doppia è previsto solamente fra persone che lo scelgono, si conoscono o che comunque manifestino la loro intenzione di condividere la stanza. Al resto dei partecipanti metteremo a disposizione un congruo numero di stanze singole, prenotabili pagando il relativo supplemento. Tale supplemento sarà comunque rimborsato al partecipante nel caso in cui l'iscrizione di una persona da lui conosciuta consenta di procedere con l’abbinamento. 
 
CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO
 infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984  
 
Programma:

1° GIORNO: FORIO D’ISCHIA – I VICOLI SARACENI
Arrivo sull’isola e sistemazione in albergo. A seconda dell’orario di arrivo degli ultimi partecipanti, il pomeriggio sarà dedicato alla scoperta del comune di Forio: i vicoli saraceni sono il singolare tracciato urbano sorto attorno alle torri di avvistamento, rifugio e difesa che l’Università di Forio realizzò a sue spese nella prima metà del 1500 per difendersi dai terribili attacchi dei pirati turchi. La funzione principale di questo dedalo di vicoli era guadagnar tempo e metri sugli assalitori saraceni, in modo da rifugiarsi nelle torri costiere e organizzare la resistenza dai tetti con acqua bollente, pietre, macigni e tutto quanto fosse stato disponibile a tiro. Un’esigenza difensiva comune a tante località del Mediterraneo, ma che solo a Forio e in pochissime altre località ha determinato esiti urbanistici e architettonici tanto singolari. 

Rientro e cena in hotel.

2° GIORNO: ISCHIA – CAMPAGNANO, PIANO LIGUORI E IL CASTELLO ARAGONESE
Oggi partiremo in direzione di Ischia Porto, con una vista splendida sulla costa est dell’isola. Giungeremo a una chiesetta seicentesca nella frazione di Campagnano, dove case sparse si alternano a campi coltivati. Da qui verdi vigneti precipitano bruscamente verso il mare, dove emergono i neri scogli di Sant’Anna che si stagliano contro il massiccio profilo del Castello Aragonese. Un’intensa macchia azzurra avvolge gli isolotti di Vivara e Procida e, più in là, lambisce la lunga striscia della terraferma su cui svettano Capo Miseno e, in lontananza, il Vesuvio. Proseguiamo per questo sentiero meraviglioso scavato nel tufo, tra depositi di lapilli e ceneri antiche. Si prosegue per un agile sentiero a strapiombo su varie insenature costeggiando la splendida Baia di Cartaromana, dove sono ancora visibili i resti dell’Aenaria” la vecchia Ischia sommersa. Sosta presso il paese abbandonato di Piano Liguori, con vista su Capri. Riprenderemo il bus per un breve tratto fino al Borgo di Ischia Ponte dove avremmo tempo libero per esplorare e magari vistare il mitico Castello Aragonese.

Rientro e cena in hotel.

Dislivello: 300 m – Lunghezza: 5 km – Durata: 4 ore    

3° GIORNO: SERRARA FONTANA – IL BORGO DI SANT’ANGELO E IL MONTE EPOMEO 
Il percorso parte dal comune di Serrara, si arriva fino al bosco dei Frassitelli, un terrazzo di acacie fittissime. Il sottobosco è il regno del coniglio selvatico, tipico piatto locale. Arrivati all’altezza di un arco di pietra, il percorso prosegue ripidamente in salita fino ad arrivare ad uno sterrato che porta a Pietra dell’Acqua. Si è ormai giunti sulla cresta dell’Epomeo e il percorso prosegue fino ad arrivare alla cima più alta dell’isola, Punta San Nicola (789m), dove è presente un eremo scavato nell’enorme masso di tufo verde che costituisce la cima stessa. Da questo punto comincia la discesa che ci porta fino al bosco della Falanga, in questo bosco di castagni è possibile trovare le tipiche case di pietra, le fosse della neve e antichi “palmenti” scavati nel tufo verde, tipica pietra locale. La passeggiata prosegue fino ad un locale tipico, assaggeremo le pietanze locali accompagnate dal vino Biancolella e ci riposeremo prima di goderci il resto della giornata nel grazioso borgo marinaro di Sant'Angelo. 

Rientro e cena in hotel.

Dislivello: 420 m – Lunghezza: 6,8 km – Durata: 6 ore   

4° GIORNO: PANZA – MONTE DI PANZA, BAIA PELARA E SORGETO
Partiremo alla volta di un sentiero che dal cuore della frazione di Panza ci porta, attraversando un sentiero che passa per un fitto boschetto di lecci ed eriche, alla sommità della baia della Pelara, pregevole geosito, da dove si gode di una vista mozzafiato. La discesa è introdotta da una ripida gradinata con scalini in legno intagliati nel tufo che portano ad una parete stratificata di pomici, ceneri e lapilli. Oltre alla tipica vegetazione costiera è di particolare interesse naturalistico la presenza di orchidee selvatiche. Ritornando indietro fino ad un certo punto attraverso una stradina arriviamo ad un belvedere che si affaccia sulla baia di Sorgeto. Dopo una serie di osservazioni geologico/naturalistiche sulla zona si scenderà in fondo per parlare del fenomeno dell’acqua calda tipica della zona ed assaporane gli effetti benefici. Il percorso ci conduce finalmente alla baia naturale di Sorgeto con possibilità di fare il bagno nell’acqua calda e visitare un’antica cantina dove rifocillarsi. 

Rientro e cena in hotel.

Dislivello: 150 m – Lunghezza: 6 km – Durata: 3 ore  

5° GIORNO: GITA A CAPRI
Oggi lasceremo Ischia per visitare un’altra isola, di origini geologiche e storiche molto diverse, Capri. La percorreremo con un trekking che ci porterà a visitare le zone lontane dal caos della parte turistica. La macchia mediterranea qui è rigogliosa e colorata, il colore del mare di un blu intenso dovuto alla pietra calcarea e poi vedremo i Faraglioni cosi da vicino che ci sembrerà di poterli toccare.

Rientro ad Ischia e cena in ristorante locale.

6° GIORNO: GIRO DELL’ISOLA DI ISCHIA IN BARCA
Giornata libera a disposizione. 

Facoltativo: giro dell’isola di Ischia in barca. Oggi potremmo ammirare le bellezze dell’isola via mare tra baie e calette nascoste. Tra un tuffo e l’altro potremmo degustare un pranzo tipico cucinato a bordo dal nostro comandante e torneremo a casa con il sapore del sale sulla pelle e la sensazione di essere ancora cullati dalle onde. Partenza ore 10:00 rientro ore 17:00. 

Cena al ristorante e rientro in hotel.

7° GIORNO: PANZA – MONTECORVO E LA “BOCCA DI TIFEO”
Il sentiero è ricco di segni che testimoniano le tradizioni contadine del luogo: case di pietra, parracine, antiche cisterne di acqua scavata nella tenera roccia tufacea, vigneti. La roccia è sicuramente l’elemento che più caratterizza questo luogo: essa testimonia un passato tumultuoso. I grandi massi tufacei rotolati dal monte Epomeo sono stati ribattezzati dai contadini: Pietra Brox, Pizzo del Merlo, Pietra Martone. Continuando l’ascesa la strada lascia il posto ad un sentiero immerso completamente della selvaggia macchia Mediterranea. Dopo un po’ la salita si fa più ripida e il suolo più caldo: il sottobosco mediterraneo si congeda, lasciando il passo ad una vegetazione più esotica fino ad incontrare il mito dell’isola d’Ischia “Tifeo”, che giace nelle viscere dell’isola e le cui lacrime fluiscono nelle acque termali. Pomeriggio libero. 

Rientro e cena in hotel.  

Dislivello: 200 m – lunghezza: 2 km – Durata: 3 ore 

8° GIORNO: GIARDINI LA MORTELLA
In questo ultima giornata visiteremo il magnifico giardino botanico della Mortella, ci arriveremo con una splendida passeggiata piacevole sul lungomare di Forio e, una volta all’interno del giardino ci perderemo tra i mille colori, profumi e varietà di piante che offre questo luogo magico e speciale. Rientro in hotel e trasferimento al porto per il rientro su Napoli.

 

CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984  

Come arrivare:

aliscafo da Napoli per Forio Porto (non incluso)

Aliscafo Alilauro da Napoli Molo Beverello – Forio porto: 9:40 – 10:50 – 14:35

Aliscafo Alilauro da Forio porto - Napoli Molo Beverello: 13:00 – 15:55

 

ATTENZIONE: l’aliscafo effettuerà il primo scalo ad Ischia Porto per poi proseguire per Forio

 

Meta:
Isola d'Ischia
Arrivo a:
Forio d'Ischia
Alloggio:
hotel o B&B
Note:
le escursioni presentano sentieri senza difficoltà particolari, non richiedono esperienza ma comunque un minimo di impegno. Le escursioni non presentano dislivelli e lunghezze elevate. In alcuni casi ci potrebbero essere brevi tratti su terreno sconnesso ma comunque con facile accesso e privi di punti esposti.

Cosa portare:
abbigliamento comodo a strati, scarponcini da trekking, zaino 25-35 litri, borraccia, crema solare, occhiali da sole, costume da bagno
Trasporti locali:
trasferimenti locali con mezzi pubblici e/o trasferimenti privati con minivan
Pasti:
INCLUSI: tutte le prime colazioni e 6 cene. PASTI NON INCLUSI: pranzi al sacco autogestiti e una cena.
Curiosità:
L'ISOLA DEGLI DEI - L'isola di Ischia è di origine vulcanica, come tutti i siti della zona a nord dei monti della Campania, ovvero il Vesuvio, i Campi Flegrei e le isole di Procida e Vivara. Quale personificazione del vulcanesimo, sorse il mito greco di Tifeo, il gigante ribelle confinato da Zeus  sotto l'isola di Pithecusae, che erutta fuoco rendendo calde le acque e che, con il suo irrequieto agitarsi, provoca terremoti. Tifeo, come narra Esiodo nella Tifonomachia, ritenuta spuria da molti critici, ai vv. 820-860, è figlio del Tartaro e di Gaia, la quale lo genera con l'intenzione di farne l'oppositore di Zeus e il vendicatore di Crono, al quale voleva fosse restituito il trono degli dei. Da questa leggenda derivano colorite ed originali denominazioni di molti luoghi dell'isola come ad esempio: Panza, Ciglio, Piedimonte... rispettivamente pancia, ciglia e piedi del gigante! 

Data partenza:
20-09-2020
 
 
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookshare-googleplus
 
IschiaIschiaCapri

Richiedi maggiori info

Codice di sicurezza