Cerca il tuo viaggio
 
Crea il tuo viaggio

Area download

Seguici anche su:

Viaggi e vacanze
dal 5 al 11 Febbraio 2018

MINORCA

Natura, tradizioni e baie incontaminate
Difficoltà: zampazampa
890,00 €
 
Presentazione del viaggio

Con suoi 216 km di costa Minorca è una vera perla nel mezzo del Mediterraneo, che nulla ha da invidiare rispetto alle ben più famose “sorelle” delle Baleari Maiorca e Ibiza. Il suo carattere elusivo, infatti, unito al suo territorio principalmente pianeggiante, la rendono meta privilegiata per gli escursionisti amanti del mare e alla ricerca di baie sperdute e memorabili tramonti. La sua ricca tradizione storico-artistica è figlia del ripetuto alternarsi di popoli a dominazione delle sue terre, dai romani agli arabi, dai Vandali agli inglesi. Dichiarata dall’UNESCO riserva della biosfera per la sua rilevanza naturalistica, è punto di sosta per gli uccelli migratori, nonché habitat di una lucertola endemica e importante zona di passaggio per i cetacei. Percorreremo gran parte del periplo dell’isola seguendo il Cami de Cavalls, antico sentiero costruito dai francesi che collegava le torri di avvistamento e le fortezze costiere preposte alla sorveglianza del mare. I tragitti venivano controllati a cavallo, i cavalli Menorchini, da cui il nome del Cami de Cavalls. Le 20 tappe ancora oggi presenti permettono di raggiungere le spiagge più inaccessibili dell’isola. Cammineremo tra boschi, dune e gole rocciose e nuoteremo in baie dall’acqua cristallina. Assaggeremo piatti tipici, come la Caldereta de Llagosta, o i rinomati formaggi ovini, ma anche raffinati piatti a base di molluschi o l’immancabile paella.

Tipologia:
viaggio escursionistico di gruppo con guida Four Seasons
Cosa facciamo:
escursioni a piedi; trekking alla ricerca di baie nascoste; visita a paesini caratteristici e ai luoghi di interesse artistico; bagni e snorkeling; enogastronomia menorchina;
Come:
viaggio di gruppo con guida esperta Four Seasons (min. 8 max. 15 partecipanti).
Speciale perchè:
camminare lungo la costa dell’isola, tra dune e boschi, per raggiungere baie;la cittadina di Mahòn, celebre per aver dato il nome alla maionese; l’isola è Patrimonio Mondiale dell’UNESCO;
Area di rilevanza naturalistica:
Parco de S Albufera Des Grau; Es Prat de Sou Bous; Monte Torno e Cava dels Coloms
Partenze disponibili e costi:
Data PartenzaDurataQuotaStato
05 Feb 20187 giorni/6 notti890,00 €Iscrizioni aperte


La quota comprende:
pernottamento in hotel, in camere doppie con servizi privati; tutte le prime colazioni e 3 cene in albergo; noleggio di pulmino o auto per tutta la durata del viaggio; assistenza di Guida Ambientale Escursionistica.

La quota non comprende:
spese di apertura pratica; volo a/r per Minorca; tasse aeroportuali; i pasti non menzionati e le bevande; spese per carburante e parcheggi; quanto non contemplato nella voce “La quota comprende”.
 
Durante il viaggio è previsto un fondo cassa di circa € 50,00 a persona, a copertura delle spese non incluse (carburante, parcheggi, ingressi ecc.).

Sistemazione in singola: a disponibilità limitata con supplemento di 190,00€, solo su richiesta.

Spese apertura pratica:  € 20,00 - Obbligatorie, per persona. Comprendono l’assicurazione medico-bagaglio; sono utilizzate anche per finanziare progetti di compensazione delle emissioni di CO2 derivanti dalla partecipazione ai viaggi.
 
NB: la quota è basata sulla sistemazione in doppia, con abbinamento con un altro compagno di viaggio dello stesso sesso. Nei rari casi in cui ciò non sia possibile, il partecipante che pur non avendone fatta richiesta dovesse essere sistemato in camera singola sarà soggetto ad un supplemento pari al 50% del supplemento singola, da corrispondere prima della partenza. Tale supplemento sarà comunque rimborsato nel caso in cui l'iscrizione di un ulteriore partecipante consenta di procedere con l’abbinamento.

 

Programma:
1° giorno    
ITALIA/CIUTADELLA
Partenza dall’Italia per Minorca. Noleggio dei pulmini/auto e trasferimento a Ciutadella, l’antica capitale dell’isola posta nella parte nord-ovest, quella più intima e selvaggia. Sistemazione in hotel. Visita della città, tra piccole piazze e antichi monasteri, il tutto condito da un incredibile mix di arte europea e mediorientale. Visita serale al porto vecchio, rientro in hotel. Cena e pernottamento.

2° giorno   
CALA MORELL/PUNTA NATI 

Dopo colazione, ci dirigiamo verso Cala Morell. Qui le abitazioni di colore chiaro contrastano col blu profondo delle acque della baia, data la sua particolare profondità, e ci introducono con piacere allo stile e ai paesaggi dell’isola. Percorriamo un sentiero costiero che segue una parte spettacolare del lato nord di Minorca, attraversiamo varie calette prima di giungere a Punta Nati. Camminando su scogliere di 50 metri, osserveremo la tipica vegetazione di macchia mediterranea. Il faro presente a Punta Nati, risalente alla guerra civile spagnola, ci permetterà di godere del paesaggio dell’estrema punta nord occidentale dell’isola, prima di fare ritorno sul sentiero verso Cala Morell. Da qui, rinfrescandoci con un bagno dopo le fatiche dell’escursione, faremo ritorno in hotel.

Dislivello: 70m – Lunghezza: 13km a/r – Durata: 5 ore

3° giorno   
CAVA DELS COLOMS/CALA GALDANA
Partenza di buon mattino per Es Migjorn Gran, comune più piccolo di Minorca e particolarmente amato dai locali. Da qui passeggiamo nella bellissima valle Barranc de Binigaus, tra la campagna minorchina ed alte rocce che emergono da una fitta vegetazione, fino a giungere alla Playa de Binigaus, Area Naturale ad Interesse Speciale e cala particolarmente selvaggia. Tornando indietro visitiamo la Cava dels Coloms e la sua impressionante volta. Dopo pranzo ci spostiamo verso Serpentona, da dove partiamo per un favoloso trekking costiero alla scoperta di spiagge tra le più belle dell’isola, tra cui Cala Turqueta e Es Talaier, con sabbia finissima e mare cristallino. Ritorno alle vetture e relax in hotel dopo le lunghe camminate.

Dislivello: 100m – Lunghezza: 7km a/r – Durata: 3 ore
Dislivello: 50m – Lunghezza: 11km a/r – Durata: 5 ore


4° giorno   
ALAJOR/SON BOU

Al mattino lasciamo l’hotel e ci dirigiamo verso Alajor. Questa graziosa cittadina nel centro di Minorca presenta un ricco patrimonio storico-artistico, su tutti la Chiesa di Santa Eulalia. Qui tra le sue stradine medievali è possibile trovare alcuni tra i più importanti prodotti tipici della zona: il gelato la Menorquina, la sobrasada o i formaggi locali tradizionali. Ci dirigiamo poi verso la spiaggia di Son Bou, i cui 3 km di sabbia dorata e finissima la rendono una delle immancabili mete dell’isola. Dopo un po’ di birdwatching nelle paludi di Es Prat de Son Bou, importante punto di sosta per gli uccelli, ci spostiamo in albergo nella capitale Mahòn.

5° giorno   
PORT D’ADDAIA/FAVARITX
Da Mahòn ci dirigiamo verso Port d’Addaia, tra chiesette e campagna rurale. Arrivati alla baia del porto, molto tranquilla e con una salina, camminiamo in direzione est della costa, lungo un faticoso ma incredibile sentiero panoramico che ci porta fino alla punta di Cap Favaritx col suo maestoso faro eretto nel 1922. Questa parte dell’isola, con costa rocciosa e spesso alta, è uno dei tratti geologicamente più antichi, costituito principalmente da lavagna nera e molto ricca di fossili. Caratteristiche poi le pozze d’acqua interne e che la leggenda vuole associate ad effetti benefici nelle notti di luna piena. Ritorno a Mahòn, cena e pernottamento.

Dislivello: 50m – Lunghezza: 20km – Durata: 8 ore

6° giorno   
S ALBUFERA DES GRAU/CALA TORTUGA

Andiamo ad Es Grau, paesino che ospita il parco naturale di San Albufera, zona umida tra le più importanti del Mediterraneo. Dopo una breve passeggiata tra i canneti e la palude, iniziamo l’ultimo trekking del Cami de Cavalls che ci porterà a visitare tra le baie più belle dell’isola, con Sa Torreta e la rovina preistorica ma soprattutto Cala Tortuga e Cala Presili, bellissime e isolate e ricche di biodiversità con la retrostante Laguna de Morella. Rientrando a Es Grau ci concediamo un meritato bagno in una delle baie. Cena a Mahòn provando uno dei piatti nazionali a base di pesce, come la Caldereta de llagosta, escupinyas o peus de Cabrit.

Dislivello: 50m – Lunghezza: 12km a/r– Durata: 6 ore

7° giorno    
MAHÒN/ITALIA

Ultimo giorno dedicato alla visita di Mahòn. Città in cui moderno e antico si mischiano perfettamente, Mahòn è da sempre stata meta ambita per il suo porto, che ha un imponente insenatura naturale e che quindi lo rendevano un perfetto attracco che proteggeva dai venti di tramontana. Chiese paleocristiane e influenze arabe si evidenziano nell’arte e nella gente, e ogni angolo della città presenta le sue tipicità e punti d’interesse. Shopping finale e rientro in Italia.
Come arrivare:

voli A/R da Roma e Milano per Minorca con Iberia, Vueling e Ryanair (non incluso)
 
Perchè non inludiamo il volo? Perché come forse sai le tariffe aeree cambiano continuamente, e chi prima prenota meno paga. Per includerlo, dovremmo calcolare un costo "prudenziale"  che ti impedirebbe di usufruire della miglior tariffa disponibile al momento della prenotazione. Per questo preferiamo lasciarti libero di accedere alle migliori condizioni possibili. A richiesta, possiamo comunque proporti e prenotare la soluzione più conveniente disponibile per il tuo viaggio.
Meta:
Isole Baleari, Spagna
Partenza da:
Roma, Milano, altre città su richiesta
Arrivo a:
Mahòn
Alloggio:
hotel in due località, Ciutadella e Mahòn
Trattamento:
trattamento di pernottamento, prima colazione e tre cene
Note:
Guida: Andrea Cinquegranelli
Cosa portare:
abbigliamento comodo da escursione, scarponi da trekking, borraccia da almeno 1 litro, equipaggiamento antipioggia e crema solare, cappello e occhiali da sole, costume da bagno
Trasporti locali:
pulmino o auto a noleggio. NB: mentre il primo veicolo a noleggio sarà condotto principalmente dal ns. accompagnatore, qualora fosse necessario noleggiare più veicoli sarà richiesta la collaborazione dei partecipanti alla guida dei veicoli.
Curiosità:
Mahòn è celebre per aver dato il nome alla maionese. L’antico nome che i cartaginesi diedero alla città era Mao, e all’epoca i locali preparavano una salsa simile a quella dei nostri giorni. Da qui la “maonese”o “mahonese”, che i latini già conoscevano e usavano, divenne per semplicità di pronuncia maionese.

Data partenza:
05-02-2018
 
 

share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookshare-googleplus
 
MinorcaMinorcaMinorcaMinorca

Richiedi maggiori info

Codice di sicurezza