Cerca il tuo viaggio
 
Mowgli scuole
Crea il tuo viaggio

Area download

Viaggi e vacanze
dal 9 al 16 Agosto

PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO

Autentica natura alpina e relax delle terme
Difficoltà: zampazampazampa
780,00 €
 
Presentazione del viaggio

Una settimana nel cuore del settore lombardo del Parco Nazionale dello Stelvio, il più grande dei parchi storici italiani, che si estende nel cuore delle Alpi Centrali. L’ambiente che ci ospita comprende tipiche vallate modellate dall'azione dei ghiacci e delle acque che discendono dal possente massiccio montuoso dell'Ortles-Cevedale e il paesaggio è formato da maestose creste, rigogliose foreste, verdeggianti praterie d'alta montagna solcate da spumeggianti torrenti che sgorgano dai ghiacciai perenni, che avremo modo di vedere da ben vicino grazie alle nostre escursioni. Il parco è anche riccamente popolato dalla caratteristica fauna alpina e, con un po’ di fortuna, potremo ammirare qualche bell’esemplare, soprattutto nella pittoresca e tranquilla Val Zebrù. Avremo l’occasione di salire su fantastiche cime di 3000m, con uno sforzo contenuto, ma grandi soddisfazioni… E cosa c’è di meglio dopo le escursioni del godersi tutti i benefici di un accogliente centro benessere? Un fantastico pomeriggio alle storiche Terme di Bormio, sarà la ciliegina sulla torta del nostro viaggio: i Bagni Vecchi sono davvero unici, sia per l’acqua termale che per la magnifica struttura, che ci regala un vero e proprio tuffo nella storia lunga duemila anni di questi luoghi d’incanto. Un’esperienza da fare almeno una volta nella vita

CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO 
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984   
 
Tipologia:
viaggio escursionistico di gruppo con guida Four Seasons
Cosa facciamo:
escursioni a piedi; escursioni a piedi, visite a luoghi e borghi caratteristici
Come:
viaggio di gruppo con guida Four Seasons (min. 6 max. 15 partecipanti)
Speciale perchè:
il meglio degli ambienti e della fauna alpina nello splendore di uno dei parchi storici italiani; camminare al cospetto di un ghiacciaio, con resti della Grande Guerra sui nostri sentieri; la ricchezza e la gustosità della cucina valtellinese
Area di rilevanza naturalistica:
Parco Nazionale dello Stelvio
Partenze disponibili e costi:
Data PartenzaDurataQuotaStato
09 Ago 20208 giorni/7 notti780,00 €Confermato


La quota comprende:
pernottamento in hotel, in camere doppie con servizi privati; mezza pensione, dalla cena del primo giorno alla prima colazione dell’ultimo; la tassa di soggiorno; assistenza di Guida Ambientale Escursionistica.

La quota non comprende:
spese di apertura pratica; trasporti e trasferimenti; i pranzi al sacco e le bevande; le entrate alle terme, ai musei e ai monumenti; quanto non contemplato nella voce “La quota comprende”.
 
Sistemazione in singola: € 90,00 su richiesta con supplemento, a disponibilità limitata.

Spese apertura pratica:  € 10,00 - Obbligatorie, per persona. Comprendono l’assicurazione medico-bagaglio; sono utilizzate anche per finanziare progetti di compensazione delle emissioni di CO2 derivanti dalla partecipazione ai viaggi.
 
NB: la quota è basata sulla sistemazione in doppia. Con le recenti disposizioni, l’abbinamento in doppia è previsto solamente fra persone che lo scelgono, si conoscono o che comunque manifestino la loro intenzione di condividere la stanza. Al resto dei partecipanti metteremo a disposizione un congruo numero di stanze singole, prenotabili pagando il relativo supplemento. Tale supplemento sarà comunque rimborsato al partecipante nel caso in cui l'iscrizione di una persona da lui conosciuta consenta di procedere con l’abbinamento.  
 
 CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984
 
Programma:

1° GIORNO SANTA CATERINA – BOSCO DI PLAGHERA

Arriviamo a Santa Caterina e ci immergiamo subito nell’atmosfera montana con la nostra prima escursione che si offre una bella panoramica sulla valle e sul paese, oltre che una piacevole immersione nei boschi e nei pascoli che sovrastano il piccolo borgo, fra pascoli e punti panoramici. Torniamo in paese attraverso un bel sentiero nei boschi. 

Rientro in hotel; cena e pernottamento.

Dislivello: 350 m – Lunghezza: 6 km – Durata: 3 ore   

2° GIORNO LA PANORAMICA DI SANTA CATERINA E GLI ALPEGGI DELL’ABLES

Oggi ci aspetta un’escursione che ci porta dapprima nei pressi dello splendido lago della Manzina, da cui si gode una vista impareggiabile su gran parte del bacino dei Forni, che si specchiano tranquille nelle acque del lago, per poi proseguire scendendo e camminando a mezza costa fino all’agriturismo Ables, dove ci aspetta una ghiotta merenda a base di prodotti locali, fra cui ottimi formaggi. Rientriamo infine a Santa Caterina. Nel tardo pomeriggio, rientro in hotel per un po’ di relax. Cena e pernottamento. 

Dislivello: +610/-1050 m – Lunghezza: 10 km – Durata: 4h30    

3° GIORNO IL GIRO DELLA VAL ZEBRÙ, LA CASA DI MOLTE SPECIE FAUNISTICHE DEL PARCO

Una magnifica escursione lungo tutta la Val Zebrù, ai piedi dell’omonimo monte, costeggiando il bel torrente, fra fitti boschi, valloni, e terrazzi verdi con caratteristiche baite. Se saremo fortunati potremo ammirare splendidi esemplari di ungulati – cervi, camosci e caprioli – e il maestoso gipeto, recentemente reintrodotto nel parco. Una giornata nel cuore delle Alpi e del Parco! Passiamo a fine giornata per il bel Museo Vallivo Valfurva, piccolo museo etnografico che ci racconta la vita nella valle. Cena e pernottamento in hotel. 

Dislivello: 830 m – Lunghezza: 15 km – Durata: 7 ore

4° GIORNO PASSO DELLO STELVIO – sulle tracce delle Grande Guerra

Oggi saliamo fino al Passo dello Stelvio in auto, per intraprendere la nostra escursione alle pendici del Monte Scorluzzo (3094m), molto strategico durante la Guerra per la sua posizione dominante tutta la valle, e per questo costellato di trincee e costruzioni belliche, molte delle quali ristrutturate dal Parco. Storia e natura si intrecciano in modo indissolubile da queste parti, e le emozioni non mancheranno. Nel pomeriggio ci potremo fermare per una fantastica pausa rilassante alle Terme, presso i Bagni Vecchi di Bormio, luogo di benessere e relax per antonomasia, ricco di fascino e conosciuto fin dall’antichità. Una magnifica “coccola” dopo le intense giornate. Rientro in hotel, cena e pernottamento.


Dislivello: 250 m – Lunghezza: 8 km – Durata: 4 ore   

5° GIORNO FRA GHIACCI E RESTI DELLA GRANDE GUERRA - l’anello glaciologico di Valle dei Forni e Val Cedec

Oggi ci incamminiamo sul bel sentiero glaciologico che, facile ma assolutamente affascinante, percorre la parte finale della Valle dei Forni e ci porta, con splendidi panorami sul ghiacciaio dei Forni e attraverso ponti tibetani, fino al rifugio Branca. Da qui proseguiamo lungo tutta la dorsale della Val di Cedec fino al rifugio Pizzini, per poi chiudere il nostro giro ancora a mezza costa, fino al punto d’inizio. E’ un percorso ad anello, lungo il quale ci sentiremo un po’ come i nostri soldati alpini, ce qui hanno vissuto e combattuto, come testimoniano alcuni fortini, una caserma e resti della Prima Guerra Mondiale che troviamo lungo il percorso. Una giornata appagante sotto molti punti di vista! Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Dislivello: 850 m – Lunghezza: 19 km – Durata:  8 ore        

6° GIORNO IL PASSO GAVIA – Monte Gaviola

Oggi ci alziamo in auto, con un fantastico percorso, fino ad affacciarci sull’altro fronte del Parco Nazionale, al di là del Passo Gavia. La nostra escursione ci porta sulla cima dello splendido Monta Gaviola: con uno sforzo relativamente piccolo – un dislivello di circa 450m, siamo su una vetta di 3025m, da dove poter ammirare dei monti più vicini fino al versante dell’Adamello, in provincia di Brescia. Anche in questo caso, parte del nostro percorso si sviluppa su mulattiere di origine militare, dalla lunga storia, fatta di sudore, fatiche, onore e amore per la propria Terra. 

NOTA: qualche tratto leggermente esposto, su roccia, prima di arrivare in vetta.  

Nel tardo pomeriggio: visitiamo Bormio, capoluogo dell’Alta Valtellina, con il suo caratteristico centro storico fatto di chiesette, edifici signorili e piccole viette. Una visita d’eccezione ci attende: le cantine del famoso Amaro Braulio, che da più di un secolo viene prodotto esclusivamente qui, con le erbe di montagna, seguendo una ricetta segreta. Rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

Dislivello: 450 m – Lunghezza: 7 km – Durata: 4 ore    

7° GIORNO L'INCANTEVOLE A VAL VIOLA

Chiudiamo la settimana con un magnifico giro: percorreremo ad anello tutta la splendida Val Viola, fino al suo Passo, che ci permetterà di allungare il nostro sguardo fino alla Svizzera e al Bernina con il suo imponente ghiacciaio. Un anello magnifico, una valle solare e ricca di laghetti dalle acque cristalline: una classica “giornata in montagna”, con tutti gli ingredienti per avere il sorriso sempre aperto in volto…! Ci godiamo infine un’ultima cena in compagnia, in un ristorante tipico. Rientro in hotel per il pernottamento.

Dislivello: 600 m – Lunghezza: 20 km – Durata: 8 ore

Come arrivare:

mezzi privati

IN AUTO 

Da Milano: imboccare la SS 36 Milano-Lecco-Colico e proseguire lungo la SS 38 dello Stelvio fino a Tirano, Bormio e S.Caterina Valfurva.

Dalla Val Camonica: raggiungere Tirano tramite il Passo dell’Aprica e proseguire per Bormio e S.Caterina Valfurva.

Dalla Svizzera: raggiungere Livigno tramite la galleria della Drossa e, successivamente, raggiungere S.Caterina Valfurva.

Nel periodo estivo è possibile transitare anche da:

 

  • Passo San Marco: (dalla provincia di Bergamo) per Morbegno, Sondrio, Tirano, Bormio e S.Caterina Valfurva;
  • Passo del Mortirolo: (dalla provincia di Brescia) per Mazzo, Grosso, Bormio e S.Caterina Valfurva;
  • Passo del Gavia: (dalla provincia di Brescia) Ponte di Legno, passo Gavia, S.Caterina;
  • Passo dello Stelvio: (dalla provincia di Bolzano) per Bormio e S.Caterina Valfurva;
  • Passo di Santa Maria: (dalla Svizzera) si collega alla strada che dallo Stelvio scende a Bormio e prosegue per S.Caterina Valfurva;
  • Passo della Forcola: (dalla Svizzera) per Livigno e, successivamente, S.Caterina Valfurva;

 

 CON I MEZZI PUBBLICI

Linea ferroviaria Milano-Lecco-Sondrio-Tirano. Da Tirano proseguire con bus in direzione Bormio e S.Caterina Valfurva;

INFO:www.busperego.com - http://www.altavaltellina.eu/info_pratiche/trasporti.cfm

 

Meta:
Parco Nazionale dello Stelvio
Arrivo a:
Santa Caterina Valfurva
Alloggio:
hotel
Trattamento:
pernottamento e mezza pensione
Note:
   
Cosa portare:
scarponi da trekking, pile o felpa, giacca a vento antipioggia (possibilmente in Gore-Tex) o mantellina, abbigliamento comodo e pratico, borraccia, zaino da 30/40 litri, cappellino, occhiali da sole e crema solare protettiva, costume da bagno.
Trasporti locali:
mezzi privati
Pasti:
colazioni e cene (inclusi); pranzi al sacco autogestiti o in rifugio (non inclusi)
Curiosità:


Data partenza:
09-08-2020


 
 
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookshare-googleplus
 
Parco Nazionale dello StelvioParco Nazionale dello StelvioParco Nazionale dello StelvioParco Nazionale dello Stelvio

Richiedi maggiori info

Codice di sicurezza