Cerca il tuo viaggio
 
Mowgli scuole
Crea il tuo viaggio

Area download

Viaggi e vacanze
dal 16 al 22 Luglio

LAGO MAGGIORE

Dalle rive piemontesi agli alti monti del Verbano
Difficoltà: zampazampa
690,00 €
 
Presentazione del viaggio

 Fu così che spesso il turismo seguì letteralmente alcuni passi della letteratura: “Se per avventura si hanno un cuore e una camicia, bisogna vendere la sua camicia per vedere i dintorni del lago Maggiore”. Così Stendhal presentava la Lombardia come nuova meta del classico Grand Tour. Il viaggiatore che si avventurava per questi lidi sconosciuti entrava in uno scenario selvaggio e fantastico: il celebre golfo Borromeo, l’isola dei Pescatori con una scenografia da opera lirica, l’isola Bella con il suo giardino all’italiana su dieci livelli, le alte vette alpine all’orizzonte a fare da mantello.

Molti furono i viaggiatori famosi che sostarono su queste rive, traendone ristoro e ispirazione: Byron (1788-1824), Stendhal (1783-1842) più volte, Dumas padre (1802-1870), Flaubert (1821-1880) e altri ancora.

Ancora oggi i visitatori possono rivivere le esperienze di questi viaggiatori del passato, seguendo le orme dei loro predecessori: scoprono un esteso patrimonio paesistico e umano, paesaggi che spaziano dall’umiltà di un borgo quasi abbandonato, alla scenografia teatrale, dalla semplicità di villaggi aggrappati ai fianchi dei monti al fascino sfarzoso di ville immerse nei loro giardini fioriti.

In questo incantevole angolo d’Italia c’è un paesaggio per tutti, un sentiero per tutti, ognuno può seguire la propria andatura. 

Per questo il seguente itinerario ne combina diversi, per immergersi il più possibile nella bellezza di questa località lontana e misteriosa ai più: il lungo lago e le sue ville donano serenità e buon umore, a contatto con la gente del posto si scoprono profumi, sapori e  realtà locali di grande interesse. Poi si comincia a salire: “la via delle genti” e una dolce salita che attraversa i borghi, santuari, realtà private piuttosto pittoresche, e poi si assesta a mezza costa, donando una piacevole dimensione di pellegrinaggio.

E infine le vette più alte, il Mottarone, il Morissolo e la pace della Val Grande offrono la possibilità di allontanarsi dal mondo, di vedere tutto da un’altra prospettiva, di ristabilire un contatto con la natura. 

Pensando proprio ai visitatori di passaggio, Stendhal diceva: “Cosa dire del Lago Maggiore, se non compiangere coloro che se ne sono innamorati?” proprio perché, ripartendo, il viaggiatore non sa di portare con sé un invisibile bagaglio, un fiume disordinato di conoscenze colte qua e là. Le meravigliose tinte dei fiori, il suono di una campana in lontananza, l’odore del sottobosco, oppure la sagoma di un loggiato che guarda al lago fanno parte di un’immagine unitaria dove terra, acqua e cielo si fondono insieme.

 

  CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO

infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984
Tipologia:
trekking a base fissa
Cosa facciamo:
escursioni a piedi di difficoltà medio-facile; visite ed escursioni ai borghi antichi, alle isole e ai monumenti più belli.
Come:
viaggio di gruppo con guida Four Seasons Natura e Cultura (min. 5 max. 15 partecipanti)
Speciale perchè:
gli scrigni di bellezza delle Isole Borromee. I Sacri Monti del Verbano – Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 2003. Villa Taranto e il suo meraviglioso giardino botanico
Area di rilevanza naturalistica:
il Parco Nazionale della Val Grande – l’area selvaggia più grande d’Italia. Il Lago Maggiore, il secondo lago per estensione d’Italia. La Via delle Genti – dall’Italia alla Svizzera a piedi
Partenze disponibili e costi:
Data PartenzaDurataQuotaStato
16 Lug 20227 giorni, 6 notti690,00 €Iscrizioni aperte
06 Ago 20227 giorni, 6 notti690,00 €Iscrizioni aperte
20 Ago 20227 giorni, 6 notti690,00 €Iscrizioni aperte
17 Set 20227 giorni, 6 notti690,00 €Iscrizioni aperte


La quota comprende:
pernottamento in hotel, in camere doppie con servizi privati; tasse di soggiorno; la prima colazione; tre cene in hotel, bevande escluse; assistenza di Guida Ambientale Escursionistica per l’intera durata del viaggio.

La quota non comprende:

spese di apertura pratica; trasporti e trasferimenti (inclusi i battelli quando necessari); tutti i pranzi e tre cene; e le bevande; le eventuali entrate ai musei, ai parchi e ai monumenti; quanto non contemplato nella voce "La quota comprende".

Su richiesta, minivan a noleggio condotto dalla nostra guida con spese di noleggio, carburante, pedaggi e parcheggi da dividere fra le persone che lo richiedono.

Sistemazione in singola: 160,00€ - Su richiesta con supplemento, a disponibilità limitata

Spese apertura pratica:  € 10,00 - Obbligatorie, per persona. Comprendono l’assicurazione medico-bagaglio; sono utilizzate anche per finanziare progetti di compensazione delle emissioni di CO2 derivanti dalla partecipazione ai viaggi.

NB: la quota è basata sulla sistemazione in doppia. Con le recenti disposizioni, l’abbinamento in doppia è previsto solamente fra persone che lo scelgono, si conoscono o che comunque manifestino la loro intenzione di condividere la stanza. Al resto dei partecipanti metteremo a disposizione un congruo numero di stanze singole, prenotabili pagando il relativo supplemento. Tale supplemento sarà comunque rimborsato al partecipante nel caso in cui l'iscrizione di una persona da lui conosciuta consenta di procedere con l’abbinamento. 

FILO DIRETTO TRAVEL – LA POLIZZA ANNULLAMENTO ANTI COVID SU MISURA PER TE!

Non è inclusa nella quota, ma è possibile stipularla con un costo del 4% circa del totale dell’importo assicurato. Richiedi comunque il preventivo effettivo. L’assicurazione potrà essere stipulata esclusivamente al momento della prenotazione  del viaggio.

UN ABITO SU MISURA

Oltre all'assistenza alla persona, al rimborso delle spese mediche e del bagaglio, Filo diretto Travel offre la garanzia annullamento, riprotezione e interruzione del viaggio, preservando coloro che hanno acquistato il pacchetto viaggio dal pagamento delle penali applicate in caso di cancellazione. La polizza include inoltre l'assistenza domiciliare per 365 giorni dal rientro in Italia.

PIÙ SICURI CON LE NUOVE GARANZIE ANTI COVID-19!

Chi prenota un viaggio organizzato assicurato con Filo diretto Travel, potrà contare, in caso di contagio da Coronavirus, su specifiche garanzie e prestazioni di assistenza, come ad esempio:

diaria giornaliera in caso in caso di infezione durante il soggiorno; indennità da convalescenza post terapia intensiva; ulteriori prestazioni di assistenza

MA SOPRATTUTTO...

la Garanzia Annullamento per Covid: è prevista l’infezione da Coronavirus tra i motivi che danno diritto al rimborso e in più senza applicazione di scoperto! 
 

CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984

 

Programma:
1° GIORNO: VERBANIA – INTRA - PALLANZA
Appuntamento ore 14.30 presso la stazione di Verbania.
Il primo pomeriggio sarà dedicato alla visita della città di Verbania, città faro del Verbano che, in quanto capoluogo di Provincia,  si presenta come un punto di partenza ideale per scoprire alcune meraviglie artistiche e paesistiche del Lago Maggiore. 
“Verbania, un giardino sul lago“ è il motto con cui la città, terrazzo naturale sul Golfo Borromeo, si presenta ai visitatori: giardini e parchi sono, infatti, la principale attrattiva turistica della zona, da sempre, fin dall’epoca del Grand Tour europeo. Verbania, nata nel 1939 dall’unificazione dei preesistenti comuni di Intra e Pallanza e relative frazioni, è composta da diverse località lacustri e collinari, che offrono opportunità di itinerari diversificati.
Quello che ci aspetta oggi è un gradevole trekking urbano che si snoda sul lungolago di Intra, attraversa il ponte sul torrente San Bernardino, passando in “terra pallanzese” e ci dirigeremo verso la celeberrima Villa Taranto, un magistrale esempio di giardino all’inglese e all’italiana uniti insieme. Ogni stagione meriterebbe una visita, perché ogni mese i giardini si colorano di nuove fioriture, ma anche solo i giochi di prospettive, le fontane, gli specchi d’acqua, le sculture, i terrazzi valgono la pena.
Ritorno in hotel, cena e pernottamento.
 
Dislivello totale: 150 m – Lunghezza:  5,5 km – Durata: 2 ore
 
NB Per regolamento internazionale le camere sono disponibili a partire dal primo pomeriggio. È facoltà dell’hotel assegnarle prima nel caso in cui fossero già disponibili e preparate.
 
2° GIORNO: CANNERO – CARMINE SUPERIORE – CANNOBIO
Cominceremo questa settimana visitando due delle località più caratteristiche della costa piemontese del Lago Maggiore: Cannero Riviera e Cannobio.
Arrivati a Cannero Riviera cominceremo una bella camminata che ci porterà dalla prima alla seconda cittadina in circa 3 ore: attraverseremo un bellissimo giardino di camelie, boschi di castagne, ruscelletti e il caratteristico paesino di Carmine Superiore.
Dall’alto arrivando si intravede Cannobio e il suo bellissimo lungolago: oggi ci aspetta uno degli eventi più attesi della settimana, il mercato cittadino, famoso soprattutto per i banchi di prodotti gastronomici, vengono fin dalla Svizzera per fare acquisti. Oggi pranzeremo qui!
Il ritorno a Cannero sarà un’altra esperienza unica: lo faremo in barca a vela! Osserveremo da vicino i famosi castelli di Cannero che affiorano sull’acqua e raggiungeremo la “riviera”: il clima caldo, quasi mediterraneo, vi darà subito un’idea del perché questo piccolo paesino abbia meritato questo titolo. Non a caso, la sua spiaggia è una delle preferite per sdraiarsi al sole o per sperimentare un bagno nelle acque lacustri.
Il Lago Maggiore vanta un’acqua pulitissima, che arriva direttamente dalle Alpi e dalle Vallate retrostanti: senza salsedine addosso, vi sembrerà di aver fatto una bella doccia tonificante, certamente un po’ più fresca del solito, bisogna ammetterlo! Ritorno in Hotel, cena e pernottamento.
 
Dislivello tot: 420 m – Lunghezza:  8,5 km – Durata: 3 ore
 
3° GIORNO: ISOLE BORROMEE – SANTA CATERINA DEL SASSO
Dopo la colazione, partenza per visitare il lago da una nuova prospettiva, direttamente dall’acqua.
Battello dopo battello, visiteremo le famosissime isole e il golfo a cui la nobile famiglia Borromeo diede il proprio nome: queste sono il centro, fisico e simbolico, dell’intero lago, rappresentandone l’immagine più nota e conosciuta. Prima di tutto però approderemo sulla sponda opposta del lago  verso un luogo davvero suggestivo, l’eremo di Santa Caterina del Sasso; si tratta di un piccolo salto nella regione lombarda, ma per questo gioiello di epoca medievale bisogna fare un’eccezione. Tornando indietro consumeremo il pranzo sull’isola dei Pescatori, abbastanza presto, per evitare le lunghe code che si creano ai battelli e ai ristoranti e poi proseguiremo con la visita delle isole Borromee.
L’isola Madre si staglia al centro del lago con uno stupendo orto botanico disposto a terrazze e con la magnifica villa del Cinquecento, una delle prime residenze dei conti Borromeo. Non molto distanti sono le “iselle”: l’Isola dei Pescatori, o Superiore e la famosa Isola Bella o Inferiore. 
Le isolette rispecchiano rispettivamente due forme di bellezza: quella più modesta, sobria e armonizzata col paesaggio della prima e quella sontuosamente plasmata dall’arte umana della seconda.
Nel tardo pomeriggio riprenderemo il battello per tornare a Verbania.
Rientro in hotel, cena e pernottamento.

4° GIORNO: GHIFFA – OGGEBBIO
Dopo la prima colazione, check out e preparazione dei bagagli per il nostro secondo alloggio presso lo splendido borgo di Cannobio.
Oggi attraverseremo un lungo tratto della sponda piemontese lungo la storica Via delle Genti, antica via di collegamento tra i paesi del Verbano e la Svizzera.  
Lungo il nostro tracciato: antiche chiese, minuscoli borghi, boschi di castagni e una sosta immancabile al bellissimo Sacro Monte di Ghiffa. Insieme ad altri Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia, è stato dichiarato nel 2003 Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO: si tratta di un complesso di ordine barocco, dedicato alla SS. Trinità, immerso in un grandioso ambiente naturale, anch’esso Riserva Speciale. Proseguiremo per Oggebbio e le sue numerosissime frazioni, una più pittoresca dell’altra; per il pranzo ci fermeremo in una delle residenze più belle del lago, Villa Anelli: la collezione di camelie del giardino è una sorta di museo a cielo aperto che Andrea e sua moglie ci mostreranno con grande passione, aggiungendo alla visita una degustazione di tè di loro produzione. 
Dopo la sosta ci sposteremo in auto a Cannobio e prenderemo possesso delle nuove camere; avrete il tardo pomeriggio per rilassarvi, fare un bagno rinfrescante, prendere un aperitivo a bordo lago, acquistare qualche prodotto tipico nei negozietti del centro storico.
Questa sera ci godremo la splendida atmosfera serale della città, perché una cena su questo lungo lago è d’obbligo: qui non troverete solo ristoranti deliziosi, ma spesso concerti e mercatini d’artigianato allieteranno la serata. Rientro in hotel e pernottamento.

Dislivello tot: 400 m – Lunghezza: 10 km – Durata: 4 ore
 
5° GIORNO: SANT’EUROSIA – MORISSOLO – PIAN CAVALLO
Oggi si parte alla volta del trekking più mozzafiato del nostro tour. Ci aspetta una vista senza confronti sul lago, per cui saliremo un poco di quota per far partire il nostro trekking dalla località di Sant’Eurosia.
Stavolta nessun borgo caratteristico, nessuna casetta in legno, solo natura e qualche alpeggio abbandonato: una passeggiata che circoscrive il monte Spalavera (1.534 m s.l.m.) guardando prima verso Nord le Alpi svizzere, poi ad Ovest verso la Val Grande, infine a sud verso il Lago Maggiore. Si tratta di un percorso eccezionale dal punto di vista naturalistico perché per un tratto ricalca la Via Geoalpina, tracciata sul più importante lineamento tettonico delle Alpi, che permette un ideale viaggio spazio-temporale tra paleo continenti. Ma il meglio di questa giornata deve ancora venire e si concretizzerà con l’arrivo al Monte Morissolo (1.311 m s.l.m.) e con un panorama che non possiamo spiegarvi, dovrete vederlo con i vostri occhi.
Ritorno in hotel e meritato riposo, tra le varie cose, suggeriamo un rilassante aperitivo sul lungo lago. Cena e pernottamento.

Dislivello tot: 390 m – Lunghezza: 15 km – Durata: 6 ore

6° GIORNO: CANNOBIO – SANT'AGATA

Dopo la prima colazione partiremo per il nostro ultimo trekking.
Oggi partiremo direttamente dall’hotel per un trekking molto piacevole ma non troppo stancante, l’ideale per l’ultimo giorno di questa lunga settimana. Cominceremo la passeggiata con un dolce dislivello per raggiungere il borgo di Sant’Agata, una frazione dello stesso comune di Cannobio che infatti si affaccia sull’abitato ad un’altezza di 473 m. s.l.m. Il borgo ha un aspetto davvero caratteristico, quasi fosse disegnato sulla montagna, fu infatti definito il "balcone del Lago Maggiore" da Luigi Piffero noto pittore che morì a Sant'Agata lasciando numerose opere e importanti restauri.
Dopo aver ammirato il lago e la cittadina di Cannobio da lassù, scenderemo dall’altro versante della montagna inoltrandoci verso ad una delle Valli più famose della zona, la Val Cannobina. Scenderemo alla frazione di Traffiume, attraverseremo i suoi vicoletti dove avremo modo di ricaricare anche un po’ d’acqua e raggiungeremo l’Orrido di Sant’Anna, ad appena 3 km dal punto in cui il torrente Cannobino si getta nel Lago Maggiore. Nel corso dei secoli l’acqua ha eroso le pareti rocciose dell’angusta valle circostante, creando una stretta spaccatura dove le acque scorrono impetuose. Due ponti permettono di attraversarla: uno medievale (detto “dell'agostana”) che consente il transito solo ai pedoni, ed uno più moderno che permette il passaggio in auto. Il panorama naturalistico qui è davvero suggestivo, sembra di essere finiti in una fiaba dei fratelli Grimm: appena sotto al chiesetta di Sant’Anna il fiume ha creato un’ansa dolce e accogliente dove ci fermeremo per il pranzo. 
Il ritorno a Cannobio sarà lungo il sentiero che costeggia il fiume e richiederà poco più di 15 minuti.
Nel pomeriggio avrete un po’ di tempo per godervi ancora una passeggiata sul lungo lago di Cannobio, approfittarne per acquistare qualche prodotto tipico da riportare a casa e preparare i bagagli. Cena e pernottamento.
 
Dislivello tot: 320 m – Lunghezza: 12 km – Durata: 5 ore 
 
7° GIORNO: CANNOBIO - CANNERO – VERBANIA
Dopo la prima colazione, check out e partenza verso i propri luoghi di provenienza.
 
NB Per regolamento internazionale le camere vanno liberate la mattina. È facoltà dell’hotel consentirne l’uso fino al pomeriggio previa disponibilità e con possibile supplemento “day use”.
Come arrivare:
con mezzi propri: Verbania. treno linea Milano-Domodossola: stazione di Verbania-Pallanza
Meta:
Lago Maggiore, sponda ovest
Stelle albergo:
3
Trattamento:
mezza pensione nel primo albergo, pernottamento e prima colazione nel secondo
Note:

previsto un fondo cassa iniziale per gestire i traghetti e gli accessi ai monumenti, ai giardini e alle isole. Qualora i partecipanti siano sprovvisti di mezzi propri, si noleggerà un pulmino, condotto dalla guida, con supplemento da verificare in seguito all'eventuale necessità

Cosa portare:
scarponi da trekking, pile o maglione per le giornate più fresche, giacca antipioggia (“hard shell”) o mantellina, abbigliamento comodo e pratico, borraccia, zaino da 20/40 litri, cappellino, occhiali da sole e crema solare, costume e telo da mare
Trasporti locali:
con mezzi propri. Spostamenti in motonave per le isole lacustri. Su richiesta, minivan a noleggio condotto dalla nostra guida con spese di noleggio, carburante, pedaggi e parcheggi da dividere fra le persone che lo richiedono.
Pasti:
tutte le colazioni; 3 cene in hotel a Verbania - Intro
Curiosità:

IL LAGO MAGGIORE. Il Lago Maggiore o Verbano è un lago prealpino di origine fluvioglaciale. Le sue rive sono condivise tra Svizzera (Canton Ticino) e Italia (province di Verbano-Cusio-Ossola, Novara, Varese). Il suo nome deriva dal fatto che è il più grande lago della zona, ma tra i laghi italiani è il secondo più grande per superficie (dopo il lago di Garda) e per profondità (dopo il lago di Como). Il Lago Maggiore è sempre stato fonte di ispirazione e moltissimi sono gli artisti, nei secoli, che ne hanno decantato l’unicità e la bellezza senza uguali. Negli scritti di Stendahl, ad esempio, troviamo frequenti riferimenti al lago ed alle isole, come gioielli incastonati.

Celebri i suoi versi:
    Se hai un cuore e una camicia, vendi la camicia e visita i dintorni del Lago Maggiore


A pieno diritto, il lago Maggiore è oggi considerato tra i laghi più belli del mondo. Un luogo “fatato” come scrisse Montesquieu o “sensuale e raffinato” nei versi di Flaubert.


Prenotazioni entro:
prima posibile, pochi posti disponibili!
Data partenza:
16-07-2022
Caratteristiche:

 
 
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookshare-googleplus
 
lago+maggiorelago+maggiorelago+maggiorelago+maggiore

Richiedi maggiori info

Codice di sicurezza