Cerca il tuo viaggio
 
Mowgli scuole
Crea il tuo viaggio

Area download

Viaggi e vacanze
dal 23 al 27 Ottobre

LA FRANCIGENA DA VITERBO A ROMA

Il tratto finale fino a San Pietro come gli antichi pellegrini!
Difficoltà: zampazampazampazampa
450,00 €
 
Presentazione del viaggio

Nell’anno 990 d.C. l’arcivescovo di Canterbury, Sigerico, decise di intraprendere un pellegrinaggio spirituale del tutto eccezionale, conosciuto ancora oggi come uno dei percorsi simbolo della fede cristiana: la Via Francigena. Basandosi sui suoi diari di viaggio, oggi conosciamo il tracciato di un articolato percorso che costituì, fin dall’epoca medioevale, una delle più importanti vie di comunicazione europee. L’ultimo tratto della Via Francigena riserva paesaggi e ricchezze inaspettate: il verdeggiante e collinare paesaggio dell’alto Lazio vi accompagnerà lungo un itinerario che si dirama da un antico borgo all’altro. Partendo dal suggestivo centro medievale di Viterbo, con un intero quartiere dedicato al pellegrino, passando per antiche strade etrusche si potranno ammirare i resti dell’anfiteatro romano di Sutri, interamente scavato nel tufo, il Parco Archeologico di Veio e infine il Parco di Monte Mario, da dove finalmente scorgerete il cupolone di San Pietro. Arrivati a Roma potrete richiedere il Testimonium, il documento che certifica l’avvenuto pellegrinaggio a Roma devotionis causa, il corrispettivo della “Compostela” che si ottiene al compimento del Cammino di Santiago. Per queste ragioni nel 1994 il Consiglio d’Europa ha riconosciuto alla Via Francigena la dignità di “Itinerario Culturale Europeo”, al pari del Cammino di Santiago diretto alla tomba dell’apostolo Giacomo, difensore della cristianità.

CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984

Tipologia:
viaggio itinerante di gruppo con guida Four Seasons
Cosa facciamo:
escursioni a piedi; trekking itinerante con trasporto bagagli; visite a borghi
Come:
viaggio di gruppo con guida esperta Four Seasons (min. 4 max. 15 partecipanti)
Speciale perchè:
un cammino storico, religioso e naturalistico, da assaporare a piccoli passi; gli incontri con persone che condividono lo stesso itinerario e le stesse passioni; la scoperta di piccoli gioielli artistici
Partenze disponibili e costi:
Data PartenzaDurataQuotaStato
23 Ott 20205 giorni/4 notti450,00 €Confermato


La quota comprende:

pernottamento in hotel e B&B, in camere doppie con servizi privati; mezza pensione, dalla cena del primo giorno alla 1a colazione dell'ultimo; il trasporto dei bagagli fra le varie tappe; assistenza di Guida Ambientale Escursionistica per tutta la durata del viaggio; le Credenziali del Pellegrino; le tasse di soggiorno.


La quota non comprende:

spese di apertura pratica; i pranzi al sacco; le bevande durante le cene; i treni per raggiungere Viterbo e il ritorno da Roma; quanto non contemplato nella voce "La quota comprende".

Sistemazione in singola: € 80,00 su richiesta con supplemento, a disponibilità limitata. 

Spese apertura pratica:  € 10,00 - Obbligatorie, per persona. Comprendono l’assicurazione medico-bagaglio; sono utilizzate anche per finanziare progetti di compensazione delle emissioni di CO2 derivanti dalla partecipazione ai viaggi.

NB: la quota è basata sulla sistemazione in doppia. Con le recenti disposizioni, l’abbinamento in doppia è previsto solamente fra persone che lo scelgono, si conoscono o che comunque manifestino la loro intenzione di condividere la stanza. Al resto dei partecipanti metteremo a disposizione un congruo numero di stanze singole, prenotabili pagando il relativo supplemento. Tale supplemento sarà comunque rimborsato al partecipante nel caso in cui l'iscrizione di una persona da lui conosciuta consenta di procedere con l’abbinamento. 

 CONTATTACI PER RICEVERE LA SCHEDA DETTAGLIATA DEL VIAGGIO
infoviaggi@fsnc.it - tel. 0627800984

Programma:
1° GIORNO: VITERBO-VETRALLA
Scesi dal treno e attraversata Porta Romana ci dirigeremo al Quartiere San Pellegrino dove inizieremo il nostro pellegrinaggio proprio sotto la Loggia dei Papi. Nel tratto iniziale cammineremo sotto suggestive pareti di tufo (Strada Signorino); costeggeremo la superstrada Orte-Viterbo fino a sfiorare la chiesa S. Maria di Forcassi, antica stazione di posta (sito romano Forum Cassii) di cui parla Sigerico nel suo diario. Presente una fonte pubblica. Arrivo in hotel a metà pomeriggio, cena e pernottamento in hotel.
 
Dislivello: 175 m – Lunghezza: 16,9 km – Durata: 5 ore
 
2° GIORNO: VETRALLA-SUTRI
Dalla chiesa romanica di S. Francesco dell’XI sec. di Vetralla inizieremo la seconda tappa che all’attacco attraverserà un bosco particolare: sono i cerri e i castagni del Monte Fogliano (ricordiamo il suggestivo eremo di S. Girolamo). Presente una fontana. Più avanti raggiungeremo la chiesetta della Madonna di Loreto (sulla facciata bassorilievo rappresentante il dio Mitra). Superati i monumenti funerari delle Torri d’Orlando sul tracciato della Cassia Antica, entreremo a Capranica, dopo aver attraversato il Ponte dell’Orologio. Qui ci fermeremo per una spaghettata socializzante (non compresa nella quota). Da vedere il portale dell’Ospedale civile. Dopo aver percorso un originale ontaneto di fondo valle, arriveremo a Sutri. Check-in in hotel, cena in un locale caratteristico e pernottamento.
 
Dislivello: 300 m – Lunghezza: 23,6 km – Durata: 6 ore  
 
3° GIORNO: SUTRI-CAMPAGNANO ROMANO
Lasciati il famoso anfiteatro scavato nel tufo e il più bel mitreo del Lazio (ora chiesa della Madonna del Parto), ci incammineremo per Via dei Creti per poi rientrare sulla Cassia. Più avanti attraversando Monterosi passeremo per il forno Ines. Poco dopo incontreremo lo storico basolato della Via Amerina. Continuando raggiungeremo le belle Cascate di Monte Gelato, all’interno del Parco Regionale del Treja. Una sofferta salita ci accoglierà all’ingresso di Campagnano. Arrivo in hotel a metà pomeriggio, cena in ristorante e pernottamento.
 
Dislivello: 220 m – Lunghezza: 27 km – Durata: 7 ore
   
4° GIORNO: CAMPAGNANO ROMANO-ISOLA FARNESE
Salutato Campagnano ci inoltreremo per le sterrate del Parco di Veio fino a raggiungere il suggestivo Santuario della Madonna del Sorbo percorrendo la valle omonima. Al km. 9,6 troveremo l’accogliente Formello, Città etica 2020. Si segnala il bel Museo dell’Agro Veientano e la Chiesa di S. Lorenzo (da vedere la meridiana a camera oscura). Presa La Variante del Ponte Sodo cammineremo in un affascinante area archeologica per raggiungere infine Isola Farnese. Arrivo in hotel a metà pomeriggio, cena in ristorante caratteristico e pernottamento.
 
Dislivello: 400 m – Lunghezza: 22,4 km – Durata: 6h30
    
5° GIORNO: ISOLA FARNESE-ROMA
Dopo la prima colazione in hotel, iniziamo il nostro ultimo trekking. Imboccheremo la Via Cassia per raggiungere La Giustiniana; per inoltrarsi subito dopo nella Riserva Naturale dell’Insugherata. Ci lasceremo così il caos della città per immergerci nel silenzio rigenerante di questi boschi. Un tratto della Via Trionfale per poi entrare nella Riserva Naturale di Monte Mario: dal suo belvedere ammireremo il fascino della Città eterna. P.le Clodio, Via Ottaviano e così eccoci giunti a Piazza S. Pietro, ovvero  alla Tomba di Pietro. Si completa così il pellegrinaggio devotionis causa che ci consentirà di ritirare il meritato Testimonium. Nel pomeriggio, rientro verso i luoghi di provenienza dalla stazione dei treni di Roma Termini, facilmente raggiungibile con la metropolitana.
 
Dislivello: 50 m – Lunghezza: 20 km – Durata: 5 ore  
 
Come arrivare:
mezzi propri o mezzi pubblici

Andata - treno per Viterbo
Ritorno - treno da Roma
Meta:
via Francigena
Partenza da:
Viterbo
Arrivo a:
Roma
Alloggio:
hotel e B&B
Trattamento:
prima colazione e cena negli hotel
Note:
Attenzione: qualora un partecipante avesse la necessità di riposare un giorno (o più di un giorno) e saltare la tappa, sarà cura delle guide la mattina predisporre un servizio taxi per portare il partecipante all’hotel successivo. La stessa cosa potrà avvenire durante il tragitto qualora un partecipante non fosse in condizioni di terminare la tappa. Essendo servizi su richiesta ed eventuali, non sono inclusi nella quota e verranno pagati dal partecipante stesso qualora fossero necessari. In generale, il tragitto fra un hotel ed un altro è molto breve e la spesa è sempre più che economica.
Cosa portare:
abbigliamento in generale comodo e pratico. Pantaloni lunghi o corti per le escursioni. Scarpe comode per le visite ai monumenti e alle cittadine. Macchina fotografica.
Trasporti locali:
non previsti (trasporto bagagli incluso nella quota)
Pasti:
prima colazione e cena negli hotel
Curiosità:
UN ITINERARIO ANTICO - Fra i numerosi percorsi, che da varie parti d’Europa raggiungevano la capitale della cristianità, uno dei più anticamente documentati è l’itinerario detto “Via Francigena” o “Via Francesca” cioè proveniente dalla Francia. La sua origine risale al VI sec. quando i Longobardi stabilirono il proprio dominio sull’Italia settentrionale e centro-meridionale. Creando un Regno con capitale Pavia si trovarono costretti, per raggiungere i propri ducati al di là dell’Appennino, a cercare un percorso sicuro, lontano dagli itinerari romagnoli e liguri, sfruttando le antiche vie costruite dai Romani.

Data partenza:
23-10-2020
 
 
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookshare-googleplus
 
Via Francigena del NordVia Francigena del NordVia Francigena del NordVia Francigena del Nord

Richiedi maggiori info

Codice di sicurezza