Cerca il tuo viaggio
 
Mowgli scuole
Crea il tuo viaggio

Area download

Attività associative - Milano
17 Febbraio

PARCO DEL TICINO: CASCINE ORSINE

La natura e il sonno invernale
Difficoltà: zampa
15,00 €
 
Presentazione del viaggio
L’autunno è la stagione in cui cadono le foglie, la natura cambia i colori e si prepara ai rigori invernali, in vista della rinascita primaverile. Il sentiero regala al viandante intimi ricordi profumati di fragranze umide e muschiose. Una nebbia soffice ed avvolgente si alza pigra dalla terra odorosa e ruba i contorni agli alberi, al sentiero, alle foglie ed al loro rumore campagnolo e rassicurante, sotto la suola delle scarpe. E' autunno. Il ciclo si è quasi chiuso, la natura si prepara alle brume invernali. Un percorso tra la natura che si addormenta in attesa di risplendere ai primi caldi primaverili, un paesaggio tipico della pianura padana in questo lembo di territorio sito nel Parco del Ticino, la Zelata , dove il silenzio e gli animali di passo che si preparano ad affrontare il lungo inverno ci accompagneranno nella nostra scampagnata.
 
Una giornata alla scoperta del parco del Ticino, zona Bereguardo - Zelata, e di una delle migliori realtà del settore biologico e biodinamico in Italia, Cascine Orsine.
 
La Zelata è un piccolo centro abitato appartenente alla cosiddetta Campagna Soprana di Pavia, nota sin dal XII secolo: da qui parte la nostra camminata, che prevede un facile trekking a semi-anello. Ci si addentra in un ambiente aperto, ricco di punti di osservazione panoramica da dove si può apprezzare il "gradino geomorfologico" che divide il terrazzo fluviale dal fondovalle del Ticino. I piani posti al disopra di questi terrazzi hanno subito, nel corso dei secoli, le maggiori modificazioni da parte dell'uomo, soprattutto con l'abbattimento delle foreste per far posto ai coltivi - questa è la terra del riso - dove sorgono oggi anche le Cascine Orsine, tra le prime aziende agricole biodinamiche d'Europa, che producono cereali, allevano mucche e producono formaggi, tutto senza ricorrere a prodotti chimici o conservanti, secondo i principi del filosofo Rudolf Steiner. Una produzione alimentare d'eccellenza, che fa di Zelata la capitale dell'agricoltura sostenibile, oltre che presidio di salute e bellezza. Conosceremo anche il fondovalle, poco fertile e quindi non interessato dalle trasformazioni agricole, che conserva quindi le proprie caratteristiche naturali e contribuisce al mantenimento di una ricca biodiversità ambientale. Zelata è anche riconosciuta come un habitat di grandissimo valore naturalistico. E' stata infatti dichiarata dall'Unione Europea Zona di Protezione Speciale (ZPS), cioè area di protezione lungo le rotte di migrazione dell'avifauna, finalizzata al mantenimento di habitat idonei alla conservazione delle popolazioni di uccelli migratori selvatici e Sito di Importanza Comunitaria (SIC), cioè area in cui si trovano particolari specie di animali e vegetali da tutelare, per la conservazione della biodiversità.
Tipologia:
escursione in collaborazione con NATURASI
Partenze disponibili e costi:
Data PartenzaDurataQuotaStato
17 Feb 2019Intera giornata.15,00 €Iscrizioni aperte


La quota comprende:

Accompagnamento di Guida Ambientale Escursionistica.

Tessera gratuita. 


La quota non comprende:
Trasporti e pasti (costo pranzo vegetariano a menù fisso presso Cascine Orsine 15,00€); quanto non indicato nella voce "La quota comprende".
Programma:

Partenza dell'escursione da La Zelata.

L'itinerario arriva sul ponte di barche di Bereguardo, uno degli ultimi esempi di ponte di chiatte esistente e funzionante in Italia. La sua prima realizzazione risale al 1913, dopo aver resistito ad entrambe le guerre mondiali, la struttura è stata gravemente danneggiata dalla piena del 2002, a seguito della quale è stata oggetto di una completa ristrutturazione.

Giusto all’ora di pranzo arriveremo nei pressi di Cascine Orsine, passando anche per i territori di pertinenza della stessa azienda agricola che è assai vasta e che include angoli di assoluto pregio. Ci aspetta un ghiotto pranzo vegetariano presso il nuovo ristorante NaturaSì aperto proprio in Cascina, dove potremo gustare piatti semplici preparati con prodotti biologici e biodinamici locali trasformati da mani esperte: una vera festa per il palato, da gustare in compagnia. 

Dopo pranzo visiteremo il negozio NaturaSì con possibilità di fare acquisti di prodotti naturali. La fine dell'escursione è prevista per le ore 16.30.

Come arrivare:
Si raggiunge la meta dell'escursione in autonomia.
 
Si fa il viaggio in autonomia con propri mezzi, a proprie spese. 
APPUNTAMENTO CON IL RESTO DEL GRUPPO: ore 10:00 - Parcheggio di piazza della Chiesa a Zelata, frazione di Bereguardo (PV)
Meta:
Parco del Ticino
Note:

La guida, Silvia Fumagalli, è contattabile il giorno dell'escursione al numero 338 5712180.

 

Cosa portare:
Tessera, borraccia da 1 litro/thermos, scarponi da trekking, giacca in materiale traspirante, occhiali da sole, cappellino, pile o maglioncino, zaino giornaliero.
Prenotazioni entro:
le ore 13:00 del giorno precedente l'escursione: presso i nostri uffici al numero 02 70634800. Oppure via email, scrivendo a segreteria.milano@fsnc.it ed attendendo la riconferma.
Data partenza:
17-02-2019
Dislivello:
nullo
Lunghezza:
10 km
Profilo itinerario:
ad anello. La camminata ha una durata effettiva di circa 4 ore, escluse le pause. La durata complessiva dell'escursione sarà di circa 6 ore (soste e visite incluse).
 
 

share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookshare-googleplus
 

Richiedi maggiori info

Codice di sicurezza